HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   “Notte al Museo: Amori illustri dei, semidei e uomini”.
•   XX Popularia Festival: Mata-Bicho Orchestra sabato 29 luglio a Torricella (Ta)
•   26 luglio al Villanova - Pulsano (Ta) "Notte Tempo" in concerto
•   MARGHERITA D'ANJOU di Giacomo Meyerbeer: prova aperta per gli under30
•   25 luglio
La lampada delle storie a Marina di Ginosa



•   Dopo elezioni: a Taranto il nuovo sindaco Melucci non ama le vecchie liturgie. E i "mal di pancia" non passano ...
•   Comunicazioni DIREZIONE ITALIA
•   Comunicazioni M5S


•   COMUNICATO CAMPAGNA WELCOME TARANTO - HOTSPOT: TENDONI E MINERALI
•   La casa di Paisiello ...
•   "Taranto città europea, un grazie alla cittadinanza attiva"


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Mitologia e canto.
La mitologia classica nel suono di Ulisse di Pierfranco Bruni con "Il canto.vento"

lunedì 17 luglio 2017

di Evelyn Zappimbulso






Mente sgombra, occhi socchiusi al mondo, respiro libero e ascolto pieno. Così, con una tale predisposizione vibrante si legge e recita "il canto.vento" di Pierfranco Bruni. Edizioni Ferrari, esclusivamente in E Book, per una precisa scelta editoriale, con saggio introduttivo di Francesca Landino, che sottolinea l'inciso del progetto.
"ilcanto.vento" è una cavalcata poetica nella mitologia classica, ritmata, delicatamente versata, musica in parole per chi del suono greco, come Pierfranco, ha fatto la sua arte.
E nel vento del mito ritroviamo Ulisse, ovvero "Nessuno" che ritorna, Odisseo che viaggia da Troia, ormai distante, verso la sua Itaca, "una follia che tu porti nell'anima", in lontananza sempre.
La forza magica e ossessiva del "viaggio" ritorna in Pierfranco, in fuga dal tempo inesorabile, verso la memoria, la storia.
Libero, fiero, coerente, solitario, ma pur sempre libero, perché "gli uomini liberi sono sempre soli". Circe, Nausicaa, Anticlea, Calipso, Penelope, le donne di un peregrinare immaginario tra "i rigagnoli dell'amore", tra rimpianti e attese, notti di ricordi e inquiete nostalgie, dimenticanze e segreti.
Anche l'amore in Pierfranco è un eterno viaggio per mare, in cui dolcemente si lascia naufragare, perché "il mio navigare è un giorno nell'eterno".
Tra isole e fili di follie soffia il canto vento del destino, nella "consapevolezza di un'attesa mai calcolata".
Meraviglioso è il sussurro che Ulisse rivolge a Penelope, nei versi di Bruni: "sorridimi e non amarmi se l'amore è resa".
Qui c'è tutto il senso di un ritorno senza sconfitte o indugi all'Isola, di un "ritorno che non c'è", ad Itaca, all'isola che non ha lamenti ma solo amore, che sa asciugare i pensieri.
"Ma chi è l'isola? Sei tu o sono io?"
E il canto vento riprende a soffiare, a viaggiare, a liberare libero.





Evelyn Zappimbulso - Pierfranco Bruni



Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote