HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   richiesta di sospensione elezioni regionali in sicilia
•   Al Cas Gill Hotel opportunità di crescita per gli ospiti.
•   Comunicazioni DIREZIONE ITALIA
•   PESCA: LA CAMERA APPROVA MISURE INSUFFICIENTI MENTRE IL SETTORE PERDE LA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA
•   Comunicazioni DIREZIONE ITALIA


•   FESTA DEI LETTORI / LETTURE A KM 0
•   GIOVANNI PAISIELLO FESTIVAL - i prossimi appuntamenti
•   L'AMORE PER L'ICONOGRAFIA DI PADRE CANTORE, RACCONTATO IN UN VOLUME. Domani la presentazione
•  Centro di Documentazione


•   Comunicazioni consigliere Di Lena (Comune Pulsano)
•   A piedi, in bici, in autobus tutto l'anno, per una mobilità sostenibile a Taranto
•   Giustataranto/UOI: diffida per P.zza Sicilia


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni M5S
martedì 12 settembre 2017

da deputati M5S Diego De Lorenzis, Giuseppe L'Abbate






-----


Ferrovie: Continuano i lavori sulla Napoli-Bari.
De Lorenzis (M5S): Governo dimentica linea Adriatica.



Sulle opere ferroviarie Napoli-Bari e raddoppio linea Adriatica, interviene il deputato pugliese Diego De Lorenzis, componente del M5S in Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni alla Camera.


“La Bari-Napoli” - dichiara il deputato - “è una nuova opera che nel complesso abbiamo giudicato positiva, benché non sia una linea ad alta velocità come erroneamente continuano a ripetere alcuni media e rappresentanti istituzionali. Quello che desta maggiore perplessità è la variante di Apice-Orsara, un nuovo tracciato lontano dall’attuale linea ferroviaria, non ha alcuna logica se non quella di accontentare alcuni Comuni campani con un allungamento del tracciato, dei tempi di esecuzione e dell’inaccettabile aumento della spesa pubblica.”

 

La sola variante Apice-Orsara costerà oltre i 2.6 miliardi di euro. La linea Adriatica che rimane un binario unico tra termoli e lesina. A luglio 2017, dopo un'interminabile discussione tra le istituzioni sul percorso del tracciato che bloccava il raddoppio, finalmente è stato concordata una variante che sposta il tracciato verso l'interno.

 

"È inspiegabile spendere tanti soldi per una scelta i cui giovamenti sono assolutamente dubbi e non dimostrati senza alcuna analisi costi/benefici. A questo si aggiunge la beffa del mancato raddoppio finora della linea adriatica, fondamentale per il trasporto di passeggeri e beni, dopo anni di promesse: dopo l'annuncio del recente compromesso, speriamo di vedere presto i cantieri in opera!" - conclude Diego De Lorenzis del M5S.

 

--

Giovanni Vianello

Collaboratore del cittadino portavoce Diego De Lorenzis - Deputato della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni

Gruppo parlamentare MoVimento 5 Stelle ★★★★★

Camera dei Deputati

mail: giovanni.vianello@camera.it





***********************************


da Valerio L'Abbate
Ufficio Stampa Deputato Giuseppe L’Abbate
Ordine dei Giornalisti della Puglia
Tessera n. 105289
valerio.labbate@camera.it
www.giuseppelabbate.it

342.8632827


ENOTURISMO: UNA PROPOSTA DI LEGGE PUNTA A PROMUOVERE E MODERNIZZARE IL TURISMO LEGATO AL MONDO DEL VINO

 

Partire dal percorso fatto negli ultimi anni con le “strade del vino” per modernizzare l’enoturismo e qualificare il settore come forma di turismo dotata di specifica identità è l’obiettivo di una proposta di legge del Movimento 5 Stelle

 

La produzione enologica degli ultimi decenni è cresciuta sia dal punto di vista quantitativo che da quello qualitativo ed è stata accompagnata dallo sviluppo del cosiddetto “enoturismo”, un turismo tematico che pone al centro dell’attenzione il vino, la sua produzione e la sua degustazione. Questa forma particolare di turismo legata al vino oggi costituisce un asset strategico per il territorio nazionale, a cui va riconosciuta una sua peculiarità nell’ambito delle forme tradizionali di attività turistiche di alcune regioni come può essere la Puglia. Uno studio condotto dallo staff della prof. Magda Antonioli, docente e coordinatore del Master in Economia del Turismo presso l’Università Bocconi di Milano, in collaborazione con il Movimento Turismo del Vino Puglia ne ha tratteggiato le caratteristiche. Dalla ricerca statistica, denominata “L’enoturismo in Puglia: verso una scoperta culturale”, emerge un tipo di turismo in gruppi che vanno dagli 11 ai 20 visitatori (soprattutto famiglie e coppie) che effettuano visite con dura medie dai 30 ai 60 minuti, quasi sempre accompagnate da passeggiate tra le vigne (in oltre il 90% dei casi) che si concludono con la degustazione finale dei vini di produzione in apposite accoglienti salette. Ma, a fronte delle sempre più numerose attività legate alle strade del vino, la normativa attuale necessità di un aggiornamento attraverso una maggiore e migliore qualificazione dell’accoglienza enoturistica.

 

“Per questo, con il collega Filippo Gallinella (M5S) abbiamo presentato una proposta di legge in materia –  dichiara il deputato Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera – Il punto di partenza rimane la legge 27 luglio 1999, n. 268 che riconosce le strade del vino quali percorsi lungo i quali insistono valori naturali, culturali e ambientali, vigneti e cantine di aziende agricole aperte al pubblico, tenendo conto del percorso che è stato fatto con le ‘strade del vino’ e dei requisiti minimi indicati. Diviene indispensabile, però, aggiungere il diploma di sommelier per il responsabile delle attività, in quanto figura professionale in grado non solo di effettuare analisi organolettiche – prosegue L’Abbate (M5S) – ma anche di ‘comunicare’ il vino, ovvero il suo contesto e la cultura che lo caratterizza. Si tratta di una legge semplice, composta di pochi articoli, che però può modernizzare il settore e qualificarlo ancor di più. Il Governo deve dare risposte a queste nuove esigenze e la nostra proposta di legge intende andare in questa direzione riconoscendo valore e concretezza al percorso del vino, che prevede numerosi step. La normativa – conclude il deputato pugliese 5 Stelle – necessita di un aggiornamento, anche in considerazione delle richieste di riconoscimento del concetto specifico di enoturismo, attraverso una maggiore e migliore qualificazione dell’accoglienza enoturistica, quale forma di turismo dotata di specifica identità. La proposta è ovviamente aperta ai contributi degli interessati, come da prassi 5 Stelle, ed è in discussione sul portale Lex”.

 

 

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote