HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   Pulsano: PIANO COMUNALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO
•   Paolonide da Taranto ... e le "marziane" convinzioni
•   Ilva, basta con questi rinvii!
•   Ilva, un insopportabile gioco dell'oca
•   Ilva, riparte la trattativa


•   Comunicazioni eventi "Popularia Festival"
•   Nave Palinuro a Taranto
•   Magna Grecia Festival, quando la musica diventa estasi
•  Centro di Documentazione


•   XYLELLA, FITTO E DE CASTRO HANNO INCONTRATO MONDO AGRICOLO A LECCE
•   Villetta Veronesi
San Giorgio Jonico

•   PIANO XYLELLA, FITTO E DE CASTRO A BRUXELLES INCONTRANO IL MINISTRO ALL’AGRICOLTURA CENTINAIO: CONDIVISIONE SUL PROGRAMMA PROPOSTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
A piccoli passi verso la metropolitana di superficie del Salento. Bene l’intesa tra Fse e Regione, così si danno risposte concrete alle comunità
giovedì 7 dicembre 2017

da blasi.ufficiostampa@gmail.com

Dopo i test per l’alta velocità, la mobilità nel Salento saluta l’inizio di una stagione nuova, che conduce a piccoli ma significativi passi verso la metropolitana di superficie. Il via libera di Fse ai lavori di ammodernamento ed elettrificazione della rete ferroviaria da Martina Franca a Gagliano del Capo, infatti, rende concreta la possibilità di dare vita a un’ infrastruttura ormai imprescindibile tanto per lo sviluppo economico e sociale del territorio quanto per l’innalzamento complessivo della qualità della vita dei suoi abitanti.

 

Un progetto coltivato per anni, da sempre al palo per mancanza di risorse e per la mala gestio delle Fse, che mi ha visto in prima linea sin dall’inizio e per il quale continuerò a spendermi perché, una volta terminati gli interventi infrastrutturali (entro il 2021), il servizio di metropolitana diventi effettivamente realtà. Servirà un contratto di gestione che permetta efficienza e qualità, in linea con le esigenze di mobilità dei salentini e con quelle, sempre crescenti, dei turisti. Ciò significa treni confortevoli e frequenti in grado di connettere le fitte maglie della provincia salentina per rendere normale ciò che al momento è quasi eroico. Ad esempio, abitare a Tricase e lavorare a Lecce o trascorrere la giornata a Otranto e cenare a Gallipoli, non avendo a disposizione l’automobile o, addirittura, scegliendo di farne a meno. Oltretutto, l’elettrificazione della rete ferroviaria è anche propedeutica alla realizzazione del collegamento su rotaia tra le stazioni di Lecce e Brindisi e l’aeroporto del Salento Papola-Casale.

 

Va dato atto all’assessore Nunziante, al presidente Emiliano e all’amministratore di Fse Mentasti di aver portato a casa un risultato importante per il Salento e per la Puglia, riuscendo per altro a dare senso compiuto a quel Patto per la Puglia (da cui provengono i 130 milioni che serviranno per i lavori di elettrificazione) che lo stesso Emiliano siglò nel 2016 con l’allora presidente del Consiglio Renzi, durante l’inaugurazione della Fiera del Levante.

Sono queste le misure - normali, appunto, e non speciali - che servono a dare risposte concrete alle comunità e la metropolitana di superficie ne offrirebbe di importanti a un territorio - il Salento - che ha la sacrosanta ambizione di affrontare con maggiori certezze le sfide della contemporaneità.

 

--

Sergio Blasi

Consigliere regionale Pd in Puglia

Mail istituzionale

Facebook 

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote