HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   Oggi a Taranto corteo antirazzista "Sicuri di restare umani"
•   Pulsano: potenziamento servizio pullman
•   DOPO BARI, PRIMARIE ANCHE A FOGGIA. C’E’ ADESIONE DEL SINDACO LANDELLA
•   REDDITO DI CITTADINANZA, FITTO: CONDIVIDO INIZIATIVA DI GIORGIA MELONI, SERVE REFERENDUM ABROGATIVO
•   Lo strano caso del prete anti-migranti che sorprendentemente ha vinto un bando di 1,2 milioni di euro per ... accoglierli.


•   "Iniziativa turistica"
•   UN DESTINO ROSSO SANGUE - Romanzo di Francesco Santoro.

•   Sabato 19 gennaio 2019, al Villanova, Mascarimirì in concerto presentano Tradizionalll Tour 2019
•  Centro di Documentazione


•   Grande successo e partecipazione all’Escursione Etnobotanica guidata di domenica scorsa a Manduria
•   Pulsano: REGOL. COMUN. TUTELA E VALORIZZAZIONE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI.
•   Comunicazioni Dit


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Decreto sicurezza, ovvero: danno sociale e beffa occupazionale. Dal governo Lega-M5s ancora pericolosa propaganda
mercoledì 7 novembre 2018

da Sergio Blasi - Consigliere Regionale PD Puglia
blasi.ufficiostampa@gmail.com

 

1- Abolizione della protezione umanitaria. 2 - Raddoppio del trattenimento dentro hotspot e centri per il rimpatrio (che passa da 90 a 180 giorni, per quello che si delinea come una sorta di sistema detentivo parallelo). 3 - Restrizione del sistema Sprar (non ne potranno più usufruire i richiedenti asilo, che finiranno invece nei Cas, Centri di accoglienza straordinaria: grandi strutture a gestione privata). 4 - Perdita dello status di rifugiato (oltre a violenza sessuale, produzione, detenzione e traffico di sostanze stupefacenti, furto, rapina, estorsione, vengono introdotte anche violenza o minaccia a pubblico ufficiale). 5 - Stretta su sicurezza e occupazioni (si prevede il carcere fino a quattro anni per chiunque blocchi o ingombri una strada e per chi organizza occupazioni) ed estensione del Daspo urbano (che oltre a stazioni o aree turistiche, potrà essere disposto anche in mercati, fiere e pubblici spettacoli).

 

Sono questi i cinque punti a mio avviso più critici del Decreto sicurezza approvato dal Senato poco fa. Cinque punti che segnano un netto passo indietro rispetto alle politiche su sicurezza e accoglienza di questo paese e che, nel complesso, finiranno col rendere più fragile il sistema e più insicuri tutti gli altri: migranti, residenti, operatori e forze dell’ordine. D’altra parte, restringere lo spazio dei diritti di alcune minoranze (rifugiati e richiedenti asilo) al fine rendere più sicura la maggioranza (gli italiani), smantellando per altro il sistema di accoglienza diffusa sui territori, non solo è sciocco ma anche piuttosto dannoso.

 

In particolare, con il ridimensionamento degli Sprar si va a colpire per ragioni puramente ideologiche e che nulla hanno a che fare con una maggiore sicurezza dei cittadini, un modello che ha dimostrato funzionare bene e capace di generare posti di lavoro. Il sistema Sprar si basa su una rete di progetti territoriali dislocati su tutto il territorio nazionale e che, oltre all’ordinario, garantisce servizi di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento a chi ne beneficia. Un modello che coinvolge i migranti, le comunità che li ospitano e gli operatori che lavorano all’interno dei vari progetti. Proprio questi ultimi, insieme ai migranti, saranno i più colpiti da questo decreto. Con il ridimensionamento degli Sprar, infatti, si calcola che solo nel Salento si perderanno circa 1000 posti di lavoro, per quella che si prefigura come la beffa occupazione che seguirà al danno sociale.

 

Tutto questo lo capiremo bene quando irregolari e clandestini non diminuiranno ma aumenteranno, insieme alle opportunità di disperazione e di disagio. E alle spese. A cominciare proprio dai Cas, che diventeranno delle costose cattedrali di detenzione, con tutto il carico di burocrazia, difficoltà e tensioni che questi posti si portano dietro per definizione.

Insomma, con il decreto sicurezza, che porta tanto la firma della Lega quanto quella del M5s, stiamo creando le condizioni per innescare una bomba sociale che esploderà, ancora una volta, a carico delle comunità locali, cioè a carico nostro, che chiediamo sicurezza ma raccogliamo, ancora una volta, propaganda. 

Sergio Blasi

Consigliere regionale Pd in Puglia

Mail istituzionale

Facebook 

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote