HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   COLDIRETTI TARANTO. Agrumi contro la crisi del comparto
•   Pulsano: comunicazioni consigliere A. Di Lena
•   Che intende fare il sindaco di Taranto per tutelare la salute dei tarantini nei giorni di wind day?
•   Pulsano: comunicazioni consigliere Angelo Di Lena
•   DEVASTAZIONE, FORTE VENTO E WIND DAYS
A TARANTO UNA ORDINARIA GIORNATA DI GUERRA CLIMATICA



•   Masterclass di perfezionamento pianistico con Davide Cabassi

•   ARCHEOLOGIA - INCONTRI BASILICATA- AREA NORD-LUCANA Torre di Satriano
•   L'atelier Lo Specchio delle Arti presenta le sue “maschere delle meraviglie”, domenica 24 febbraio a Manduria.
•  Centro di Documentazione


•   PUGLIA POPOLARE: Una buona notizia per il porto.

•   PUGLIA POPOLARE: L'accordo regionale siglato dall'assessore all'ambiente Gianni Stea creerà vantaggi anche ai contribuenti di terra ionica.
•   Nuovi statuti per il no profit


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Immunità penale per l'ILVA: la magistratura ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale
sabato 9 febbraio 2019

Peacelink: "Finisce la Ragion di Stato, tornano al centro i diritti dei cittadini"


L'immunità penale all'ILVA non è più un dogma. Si dovrà esprimere la Corte Costituzionale.

Finisce l'era della Ragion di Stato e si rimette in moto lo Stato di diritto, così come disegnato dalla nostra Costituzione.

Finisce il patto con il diavolo fatto da governi diversi, tutti allineati nel disprezzo della vita e dei diritti umani.

Hanno tentato di tenere aperta l'ILVA a tutti i costi.

Anche a costo di calpestare i principi della Costituzione.


Adesso che la magistratura ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale tutto ritorna nell'alveo di una corretta valutazione della legittimità delle leggi, che non possono dimenticare la vita e la salute dei cittadini.

PeaceLink aveva da tempo chiesto che venisse fatto questo passo. E il passo è stato fatto.

E' un'immensa gioia sapere di aver operato per la difesa della Costituzione e di aver avuto ragione nel farlo.

A rendere necessario un passo di questo tipo è stata anche la sentenza della CEDU di Strasburgo che ha censurato l'Italia sul caso ILVA, accertando una violazione dei diritti umani della popolazione residente.

Adesso si vada avanti perché non un'altra persona, non un altro lavoratore, non un altro bambino, possano essere sacrificati sull'altare della Ragion di Stato.


Fulvia Gravame, responsabile del nodo PeaceLink di Taranto
Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink






Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote