HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   Ilva - Dalla cordata esce Marcegaglia, entra CDP
•   ILva - Calenda fa appello al sindaco Melucci affinché partecipi alla riunione del 20.
Senza ricorso.

•   Comunicazioni M5S
•   Ilva, Fiom/Cgil contraria ai ricorsi, ma i 3500 operai di UBS (e non solo loro...) compatti li appoggiano
•   Comunicazioni DIREZIONE ITALIA



•   PALAGIANO (TA). I Terraross aprono la 27^ Sagra del Mandarino
•   Presentato il Presepe vivente di Mottola
•   Lo Schiaccianoci di Èajkovskij all'Officina degli Esordi a Bari
•  Centro di Documentazione


•   Analisi del questionario sul Documento Programmatico Preliminare
•   CONFPROFESSIONI PUGLIA
•   Pulsano: comunicazioni consigliere Di Lena


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
ASSEGNO DI CURA, PERRINI: LA REGIONE CONTINUA A GIOCARE SULLA PELLE DEI MALATI SLA E GRAVISSIMI
giovedì 7 dicembre 2017

da Direzione Italia/Regione Puglia
grupporegionalecorpuglia@gmail.com

La preoccupazione del consigliere regionale di Direzione Italia, Renato Perrini

 

“La Regione Puglia gioca sulla pelle dei malati di Sla e dei malati gravi”: questo il grido d’allarme che abbiamo lanciato a luglio, ma il governo regionale ci rassicurò che subito dopo l’estate il problema sarebbe stato risolto e ad ottobre gli  aventi diritto all’assegno di cura (una platea ampliata per l’inserimento di altre malattie invalidanti e gravissime) sarebbero stati soddisfatti, mentre per quelli che già avevano diritto nella stessa soluzione avrebbero visto corrisposti gli arretrati.

E’ il 6 dicembre e siamo agli albori: oggi (e non come erroneamente scritto precedentemente, ndr) le Asl sono state convocate all’assessorato al Welfare per cercare di districare una matassa sempre più complicata e che vede le famiglie degli ammalati gravi e non autosufficienti cimentarsi prima con domande on line e ora con trafile lunghissime perché la domanda inviata on line, entro il 6 ottobre, ora deve essere anche consegnata, con tutti i documenti necessari al riconoscimento dell’assegno, anche fisicamente.

Oltre al danno di non percepire, per gli storici, l’assegno da 5 mesi, ora anche la beffa di ripresentare tutto e di dover attendere che si esaminino tutte le domande: che la platea dei richiedenti sarebbe aumentata lo si sapeva e per questo era già stato annunciando una riduzione dell’importo dell’assegno che non avrebbe superato i 1000 euro, ma mai nessuno pensava che il numero di sarebbe triplicato fino ad arrivare a 9.000 domande (solo in provincia di Taranto oltre 1.300). Questo perché il bando lasciando aperte molte interpretazioni sui criteri ha spinto molti anziani non autosufficienti, ma non ammalati gravi, a fare domande.

Cosa succede ora? Oltre all’allungarsi dei tempi, inauditi per chi era già stato ampiamente nel tempo riconosciuto titolare di assegno di cura, la cifra stanziata dalla Regione, poco più di 30 milioni di euro (12 dei quali già in dotazione delle Asl), basta per accontentare tutti?  Le preoccupazioni del COMITATO 16 NOVEMBRE sono le mie, per questo sono stato e sarò al loro fianco per sostenere le loro battaglie! Per questo avrei voluto che fosse accolta la richiesta della stessa, fatta al presidente Emiliano, di essere presente al tavolo convocato in assessorato fosse stata accolta. Proprio perché la loro voce, non fosse solo di protesta, ma anche di proposta! In modo che  la tanto famigerata Partecipazione non fosse anche questa volta disattesa. Ma così è stato!

 

Bari, 6 dicembre 2017

 

 

--

 

 

 

Info

Mariateresa D’Arenzo

tel 338/2447026

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote