HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   SCREENING MAMMOGRAFICO, MANCA: LECCE SU OLTRE 57MILA DONNE DA CHIAMARE E CHIAMATE, DALLA ASL, SOLO POCO MENO DI 10MILA LO HANNO FATTO
•   GRILLO OFFENDE GLI AMMALATI DI AUTISMO, MANCA: MI ASPETTO CHE IL GRUPPO REGIONALE DEL M5S PRENDA LE DISTANZE
•   Pusano: riprogrammazione traffico veicolare
•   COLDIRETTI TARANTO. Ancora mattanze di lupi negli allevamenti di Martina Franca e nel resto della provincia ionica. Subito indennizzi
•   Pulsano: IL CONSIGLIERE DI LENA CHIEDE INTERVENTI DI RIPRISTINO NELLE SCUOLE.


•   La stagione 2018/19 al TaTÀ, conferenza di presentazione

•   Amici della musica Taranto
75ª stagione concertistica

•   Spartan Race 20-10-2018
•  Centro di Documentazione


•   PACE FISCALE, ZULLO: MA LA PACE CON GLI ONESTI, SALVINI QUANDO PENSA DI FARLA?
•   Blasi (PD): Solidarietà ai 280 formatori (Centri per l'impiego) senza stipendio da 4 mesi
•   Six Underground ,Taranto e oltre: se Netflix si appropria del diritto alla città


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
INDAGINE CONOSCITIVA XYLELLA: LA RICERCA A CONFRONTO A MONTECITORIO
mercoledì 10 ottobre 2018

G. L'Abbate, deputato pugliese M5S

da Valerio L'Abbate
Ufficio Stampa Deputato Giuseppe L’Abbate
Ordine dei Giornalisti della Puglia
Tessera n. 105289
valerio.labbate@camera.it
www.giuseppelabbate.it

342.8632827

INDAGINE CONOSCITIVA XYLELLA: LA RICERCA A CONFRONTO A MONTECITORIO

 

In audizione presso la Commissione Agricoltura della Camera, le diverse visioni del mondo scientifico si sono confrontate. Il commento del relatore Giuseppe L’Abbate (M5S)

 

In Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, nell’ambito delle audizioni dell’indagine conoscitiva legata alla diffusione della Xylella fastidiosa in Puglia è stata la volta del mondo scientifico e della ricerca. Il sesto appuntamento ha visto la partecipazione di Antonia Carlucci, docente presso l’Università di Foggia, Cristos Xyloyannis (Università della Basilicata), Franco Nigro (Uniba), Francesco Porcelli (Uniba), Marco Nuti (Università di Padova e Pisa), Prof. Emilio Stefani, rappresentante per l’Italia al Panel EPPO e della professoressa Margherita D’Amico, responsabile scientifica del Progetto (Sistemi di lotta ecocompatibili contro il CoDiRO - SILLECC).

 

Non sono mancati i confronti tra i diversi approcci all’emergenza Xylella. Da una parte una visione olistica di chi vede in un uso massiccio nel tempo di fitofarmaci, nel continuo impoverimento del suolo e di mancate pratiche agronomiche di cura degli alberi di olivo dovuti al basso reddito che questa coltura garantisce e alle contemporanee politiche di sostegno al comparto, le concause che hanno permesso alla malattia di attecchire e su cui bisognerebbe agire per fronteggiare questo stato di crisi. Dall’altra, un approccio maggiormente pragmatico di chi cerca di fornire risposte “hic et nunc” ad un batterio la cui avanzata visibile progredisce di 30/35 km l’anno e che, per alcuni, sarebbe già altri 15 km più a nord senza dare ancora evidenti sintomi.

 

Dal punto di vista politico non entriamo nel merito delle diverse visioni scientifiche che hanno necessariamente bisogno di tempo, forse anni, per affermarsi e per essere corroborate da dati e provecommenta il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, relatore M5S dell’Indagine Conoscitiva in Commissione Agricoltura a Montecitorioma per prendere successive decisioni che avranno, si spera, effetti concreti per la risoluzione di questo dramma dell’agricoltura salentina e pugliese (per ora) ho posto alcune domande chiare e dirette agli auditi. È emerso che la Xylella se inoculata su un albero d’olivo sano e forte porta comunque alla morte della pianta, a maggior ragione perché ha più nutrimento. Inoltreprosegue L’Abbate (M5S)è stata ribadita l’incontrovertibile necessità di operare chirurgicamente sugli olivi malati quali depositi e fonti del batterio di cui, ad oggi, non si conosce soluzione scientifica per l’eradicazione ma solo prove di convivenza con la scelta di cultivar resistenti. Infine, è stato sottolineato come gli interventi agronomici (arature, potature, buone pratiche) e l’utilizzo di fitofarmaci, anche compatibili con coltivazioni biologiche, si rendono inevitabili per il controllo del vettore. Certoprosegue il deputato 5 Stellecome ha affermato qualche professore oggi in Commissione, se avessimo la bacchetta magica e fossimo in grado di far sparire d’emblée la cosiddetta sputacchina, l’emergenza Xylella si spegnerebbe in pochi anni condannando a morte gli alberi infetti e basta. Ma oggi, invece, ci troviamo dinanzi al dover compiere delle scelte ben precise. E vista l’inazione che ha contraddistinto l’operato politico amministrativo soprattutto a livello regionale, abbiamo anche poco tempo per evitare che questa emergenza dilaghi oltre il tacco d’Italia. La Giunta Emiliano ha creato l’ennesima agenzia per fronteggiare la questionedichiara il parlamentare – si tratta dell’ennesimo contenitore su cui far scagliare critiche pur di non lambire la propria figura ma che sinora porta il fardello delle maggiori, se non esclusive, responsabilità dell’avanzata del batterio. Le uniche azioni concrete portate avanti erano i monitoraggi che, ad oggi, non vengono neppure più fatti da mesiconclude il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S) Per fare un esempio comprensibile: è come se, coscienti di avere il cancro, non ci si ponga neppure il problema di effettuare analisi e controlli. Come si può mai pensare di guarire in questo modo? La follia politica divenuta realtà..”.

 

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote