HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO
•   ECCO PERCHE’ L’IMMUNITA’ NON E’ STATA TOLTA A EX-ILVA OGGI
ARCELOR MITTAL.

•   Resoconto del convegno sulla Xylella fastidiosa.
•   MOTTOLA (TA). FOCUS IN MEDICINA INTERNA


•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•   “Percorsi educativi per una società interculturale”
•   MAGNA GRECIA AWARDS 2019
•  Centro di Documentazione


•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
RIFIUTI, ZULLO: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA FALLITO O SI CAMBIA METODO O MEGLIO GLI INCENERITORI
martedì 20 novembre 2018

da Press Noiconlitalia
press.noiconlitalia@gmail.com

Dichiarazione del presidente del gruppo di Direzione Italia/Noi con l’Italia, Ignazio Zullo



La efficace gestione dei rifiuti deve saper coniugare la tutela dell’ambiente con la minore tassazione per i cittadini.

Negli ultimi anni il centrosinistra pugliese, sconfessando le politiche di centrodestra di recupero energetico dai rifiuti attraverso i termovalorizzatori, ha pensato che la raccolta differenziata fosse la soluzione delle soluzioni. Ha raccontato ai cittadini che avrebbero avuto città più pulite e avrebbero pagato meno, perché il pubblico avrebbe “guadagnato” dal riciclo.
In realtà li ha ingannati! Non solo ci ritroviamo con rifiuti sparsi in ogni dove, alcune strade periferiche e di campagna sono diventate discariche a cielo aperto, ma soprattutto non è diminuita la tassazione. Anzi.

Se vogliamo che la Raccolta Differenziata funzioni dobbiamo cambiare totalmente gestione: basta con la raccolta porta a porta, che ha costi altissimi e non produce nessun risultato, devono essere istituiti capillarmente gli ecocentri dove è il cittadino a conferire le materie recuperate in modo differenziato (carta, vetro, plastica metallo, legno, etc), ricevendo in cambio una contropartita in denaro, una forma che lo invogli a fare cassa e a differenziar portando le materie nei centri. In questo modo applicheremmo quello che la legge nazionale dice: il cittadino deve pagare una “tariffa puntuale”, nel senso che deve essere tariffato per la quantità di indifferenziato che produce, perché tutto il resto è, appunto, riciclabile e quindi produce ricchezza per lui e per la collettività.

Se non riusciamo a fare questo e allora ben vengano gli inceneritori di ultima generazione, a Copenaghen sul tetto dell’inceneritore d’inverno si scia, d’estate si fa trekking.

Bari, 19 novembre 2018

****************************
per informazioni
mariateresa d'arenzo
338/2447026




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote