HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   PALAGIANO (TA). I Terraross aprono la 27^ Sagra del Mandarino
•   Presentato il Presepe vivente di Mottola
•   Lo Schiaccianoci di Èajkovskij all'Officina degli Esordi a Bari
•   CONCERTO GOSPEL DI NATALE
•   TARANTO. Quaranta stelle di Natale piantate in piazza Maria Immacolata da Coldiretti Donne Impresa e Giovani Impresa.


•   Analisi del questionario sul Documento Programmatico Preliminare
•   CONFPROFESSIONI PUGLIA
•   Pulsano: comunicazioni consigliere Di Lena


•   Ilva - Dalla cordata esce Marcegaglia, entra CDP
•   ILva - Calenda fa appello al sindaco Melucci affinché partecipi alla riunione del 20.
Senza ricorso.

•   Comunicazioni M5S


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
L’Oriente di Pierfranco Bruni alla Biblioteca Nazionale di Cosenza per raccontare il destino di un viaggio Venerdì 13 ottobre
mercoledì 11 ottobre 2017

da contaminazioni@alice.it




Cosenza si veste di Oriente con Pierfranco Bruni parlando della “pietra d’Oriente” alla Biblioteca Nazionale. Quasi una visione in cui il segno dei simboli si legge nella figura di un talismano che ha profezia e provvidenza. Gesù, Giuda, Maria di Magdala, Pilato e Paolo nel cammino alla ricerca degli Oriente e degli Occidenti sono i protagonisti che si raccontano in “La pietra d’Oriente” (Pellegrini in Mondadoristore) di Pierfranco Bruni che verrà presentato, venerdì 13 ottobre alla Biblioteca Nazionale di Cosenza del Mibact Piazza Toscano, alle ore 18.00.



 

L’iniziativa è organizzata dal Ministero Beni Attività Culturali e Turismo – Biblioteca Nazionale, dalla Fidapa di Cosenza e dalla Casa editrice Pellegrini. I saluti saranno rivolti dalla Direttrice della Biblioteca Rita Fiordalisi, dalla presidente della Fidapa Anna Cerrigoni. L’intervento critico sarà svolto da Teresina Ciliberti. Coordinerà Antonietta Cozza.

 

Il romanzo di Pierfranco Bruni (su https://www.youtube.com/watch?v=60WO8CX-2YU&feature=youtu.behttps://www.youtube.com/watch?v=YG730Gd5Fjo&feature=youtu.be curati da Anna Montella) presenta un forte inciso proprio nella condizione geopolitica in cui si trova a vivere il Mediterraneo e l’Oriente nella sua articolazione geografica.
È certamente un romanzo, ma come le metafore e l’estetica della filosofia si intrecciano, negli scritti di Pierfranco Bruni, con la letteratura tra prosa e poesia. 


<< Nelle pagine di Bruni, ha affermato  Gerardo Picardo, la memoria è un abbraccio o una condanna. Narra di identità non sconfitte eppure dolorose perché “c’è sempre una ruga solcata dalle mani”. Giuda si è smarrito, come Ulisse che ha dovuto combattere la perdizione per ritornare a Penelope e alla sua terra. Il Nazareno e Giuda sono ancora insieme sui sentieri del tempo. “Gesù gli teneva la mano. Non hai sfidato me – gli dice – ti sei voluto sfidare. Il tuo peccato non è il tradimento, è quello di non essere stato capace di resistere e di aspettare. Non hai saputo sperare”. Si è contrapposto alla Verità con una sua verità>>.
 
Un romanzo già tradotto in diverse lingue offre spazi a chiavi di lettura importanti nell’intreccio tra metafisica e religioni tanto che nell’ultimo capitolo si parla di Tunisi e di una donna con il velo, Nadine, che incontra il suo amante alle porte della Medina. Un capitolo che prepara un nuovo romanzo sempre sulle vie dell’Oriente.
Bruni, attento conoscitore del mondo mediterraneo e orientale fa incontrare, in una lettura buddista, le fedi ed è una significativa finestra aperta sulle culture diverse che incontrano il linguaggio della letteratura.

 



 

 


 

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote