HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Paesaggisti... Conservatori, cos'altro vogliamo di pi√Ļ ???
mercoledì 24 aprile 2013

da osservatoriolegnc@libero.it




Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

 

Sig.SINDACO di LEPORANO

                                                                                                                                                                                                               

GLI ANNI PASSANO ma quell’immondo … “ RUDERE “  E’ SEMPRE LI’                                        

                                                                                      

Percorrere la litoranea è immensamente piacevole in qualsiasi stagione, suggestivo il colpo d'occhio…         mare incantevole, scenari mozzafiato…. MA…!!!

Tutto bello, se non fosse per la solita nota stonata del "paesaggio" mortificato da nefandezze.

Immonde costruzioni abusive, da anni mal tollerate, atteso l‚Äôassurda vicenda del ‚ÄúCondono Edilizio‚ÄĚ per la quale probabilmente non si riuscir√† mai a scrivere la parola FINE.

A cosa è dovuto, il persistere da tempi immemorabili di quell'orribile "GREZZO" in località Baia d'Argento?

Cosa ostacola la definizione dell'iter amministrativo?

Non ci resta che registrare in tutti i paesi della Provincia, l'amara sconfitta delle Leggi sull’abusivismo.

Magari d'incanto si riuscisse a fare giustizia dei tanti scempi ambientali, magari si riuscisse ad applicare tutti,  ma veramente tutti gli articoli inerenti il Condono (L. 47/85).

Oramai si è capito che le Leggi inerenti il Condono Edilizio sono servite solo a far "CASSA".

Si è ben dimostrato che i soldi risolvono tutti i problemi non esclusi quelli inerenti gli scempi ambientali.

Si vorrà condividere che nella vicenda Condono, è mancato lo STATO che non è riuscito a farle osservare.

Regioni, Province e Comuni...poi, assolutamente latitanti, se non a volte del tutto inesistenti !!!

Che fine hanno fatto i Piani di Recupero degli insediamenti abusivi? Saranno stati redatti?

Quanti e quali MOSTRI EDILIZI costruiti anche e soprattutto sulle coste sono stati ad oggi demoliti?     

La causa maggiore del persistere di tanti obbrobri, è da addebitare alle lungaggini burocratiche.

Quante pratiche di condono edilizio sono state evase nei comuni interessati dal fenomeno?

E' giusto che si debba tollerare l'arroganza di chi ha costruito impunemente addirittura sugli scogli?

Non è concepibile aver costruito scempiando splendide zone incontaminate.

Dov’è… a cosa serve la SOVRINTENDENZA ? Dove sono le ISTITUZIONI ?

Dov‚Äô√® la Politica‚Ķ dove sono i POLITICI‚Ķ‚Ķ ah gi√†, alle prese dell‚Äôelezione di un Presidente della Repubblica che nulla potr√† ‚Äď sapr√† e vorr√† fare, se non ammonire in caso di tragedie il pi√Ļ delle volte annunciate.

A tal proposito chiediamo se, quella dei Ruderi che scempiano il territorio, non sia una TRAGEDIA.

Non è possibile che nessuno abbia visto, che nessuno sapesse che in determinati ambiti si stavano concretizzando interi centri abitati, agglomerati abusivi per i quali oggi si pretendono le urbanizzazioni.

Chi non ha partecipato a nessun titolo "all'orgia edilizia" abusiva dell'ultimo ventennio, ha tutto il diritto di pretendere il rispetto delle leggi proprio perchè le stesse non prevedono assolutamente che si facciano salve le costruzioni realizzate abusivamente in aree protette, soggette a vincolo di inedificabilità assoluta!

Duole purtroppo dover registrare oltre l'indifferenza mostrata dai tanti, addetti ai lavori e non, anche, ma soprattutto il silenzio assordante di tanti Professionisti se dicenti PAESAGGISTI, che non riescono ad opporsi a nulla… men che meno all’ IGNOBILE TARTARUGAIO che offende la vista mare sulla ringhiera in Città Vecchia.   

Nel denunciare ogni forma di abbandono edilizio, confidiamo nell'eliminazione, dei manufatti incompleti che fanno scempio del territorio,  è proprio il caso del Vs. Gioiellino incastonato da anni in località Baia d'Argento.

Per avere un’idea dello stato pietoso e catastrofico in cui versa in non pochi punti la litoranea, basta percorrerla.

Lo sviluppo di un territorio non prescinde assolutamente dall’attenzione per l’ambiente e la tutela del Territorio; fare sistema per attrarre Turismo presuppone ben altro.

Con la presente si chiede cosa realmente si intende fare per quanto all'applicazione delle leggi in materia di abusivismo per i manufatti realizzati in aree sottoposte a vincolo ambientale e paesaggistico, conoscere quale sia il punto effettivo del recupero degli insediamenti abusivi, se siano stati rilasciati i nulla osta paesaggistici, inerenti le costruzioni realizzate in area vincolata.

Concorderà Sindaco che ridisegnare la Litoranea significa eliminare anche quel RUDERE.


Taranto lì, 19.04.13                                                                                             il presidente 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote