HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
"I dossi artificiali‚ÄĚ? Sono Vietati: ma il Comune li mette lo stesso
mercoledì 15 maggio 2013

da osservatoriolegnc@libero.it




CONTE arch

Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

 

Preg. Sig. P R E F E T T O 
Comando Vigili Urbani 
Assessore Lavori Pubblici 
Protezione Civile 

"I dossi artificiali‚ÄĚ? Sono Vietati: ma il Comune li mette lo stesso

Nell'assoluto silenzio della solita città dormiente, la passata A.C. ci ha sbattuto in faccia una bella "fagottata" di "dossi stradali artificiali"….. ricorderete le proteste !!! 
Non è certo una novità per Taranto, già nel passato infatti detti mal tollerati limitatori di velocità sono stati installati in varie strade…, ma prontamente rimossi a seguito delle numerose lagnanze. 
Nel riproporre detta spinosa problematica che non pochi danni ha già apportato alla Comunità, l'Osservatorio chiede cosa l'attuale classe dirigente cittadina intende fare per riportare il tutto nell'alveo della legalità e dunque della normalità. 
Occorre considerare infatti le assurde inconcepibili condizioni fisiche del manto stradale di buona parte delle strade, le innumerevoli buche e crateri, le sconnessioni in genere ed i rattoppi dovuti a lavori mal eseguiti che già di per sé, fungono da efficacissimi dissuasori - limitatori di velocità, atteso che percorrere dette strade "maciullate" specie nottetempo, oltre certi limiti di velocità poi, comporta scontato pericolo d'incolumità fisica, maggiormente per i centauri. 
Il "serpentello" velenoso a striature nero-giallo che insidioso è posto trasversalmente alla carreggiata è dunque un "Revival" destinato a far impennare l'indice di gradimento nella scala dei valori ove sono individuati i vari rapporti, tra noi …sudditi obbedienti - e l'amministrazione …arroccata a Palazzo. 
E' inconcepibile che delle centinaia di automobilisti che quotidianamente transitano su detti diabolici "arnesi", nessuno, dico nessuno osa proferir verbo… perché rischiare di spezzare in due l'auto? 
Perché non ricorrere agli autovelox? Non è certo questa la soluzione idonea, piuttosto detti rallentatori non fanno che arricchire gli impedimenti stradali dovuti a sconnessioni, buche, voragini e quant'altro. 
Detti dossi artificiali sono stati "inchiodati" in diverse strade dei vari quartieri - come al solito… e, come da copione - nell'angosciante silenzio generale di tutti… CIRCOSCRIZIONI comprese. 
Tutto ciò senza considerare che - i dossi artificiali - possono essere installati, come specifica il comma 5 dell'articolo 179 del Codice della Strada, solo su strade residenziali, nei parchi pubblici e privati, nei residences ecc. Ne è vietato l'impiego (continua il comma 5) sulle strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli impiegati per servizi di pronto soccorso ed intervento. 
Senza considerare altresì l'obbligo dell'Amministrazione di inserire negli appositi segnali verticali un pannello integrativo, lo specifica il comma 7, con la parola serie oppure n… (tot) rallentatori. 
A differenza di quanto avviene per i sistemi di rallentamento della velocità ad effetto ottico, acustico o vibratorio, adattabili su tutte le strade, l'installazione dei dossi artificiali risulta condizionato sia in ordine al tipo di strada ed alla sua destinazione funzionale, sia in relazione ai limiti massimi di velocità in essa consentiti, che in ogni caso non possono superare i 5O Km/h. 
Appare quanto mai chiaro che per l'installazione dei dossi artificiali, o rallentatori di velocità, sono richieste le seguenti condizioni, che traggo dalla circolare del Ministero dell'Interno, Direzione centrale Polizia stradale, del 7 Settembre 1999 a firma del direttore Piscitelli: 
1¬į - presenza di strade residenziali, parchi pubblici e privati, residence e luoghi simili;¬†
2¬į - esistenza di limiti massimi di velocit√† per ciascuna strada interessata fino a 50 Km/h;¬†
3¬į - presenza di strade che non costituiscono itinerari preferenziali per i veicoli di soccorso o di pronto intervento;¬†
4¬į - esistenza di una particolare zona del territorio comunale, da delimitarsi come zona residenziale, all'interno della quale, qualificare le strade come strade residenziali.¬†
Ricorre tutto ciò???

Ed allora …

Chi ha stabilito che le strade nelle quali sono stati posizionati i dossi sono strade residenziali? 
                                                                                                                               

 il presidente 

Taranto lì, 13.05.13

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote