HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
"InDemaniati in bicicletta verso i Baraccamenti Cattolica"

venerdì 21 giugno 2013

vivitaranto@gmail.com

Domenica 23 giugno ore 18, "InDemaniati in bicicletta verso i Baraccamenti Cattolica"

 

Domenica pomeriggio avrà luogo l’Open Day indetto dal Comune per visitare l’area demaniale in dismissione degli ex Baraccamenti Cattolica, in via Di Palma (vicino all'Arsenale).

La dismissione dei beni demaniali rappresenta un’occasione unica per ripensare la città, ma il rischio è che si perseveri negli errori del passato. Per questo alle 18,30 muoveremo in bicicletta dai giardini Totò De Curtis, in via Blandamura, per arrivare ai Baraccamenti alle 19 per una critical mass di sensibilizzazione su questo importante argomento.

Entro fine giugno il Comune dovrà presentare il piano di fattibilità per le aree in fase di acquisizione, pena la restituzione delle stesse al Demanio. Successivamente si progetterà sulla base delle destinazioni pensate.

 Per questo oggi si presenta l'imperdibile occasione di ridiscutere sul futuro di una parte della città da sempre militarizzata e della sua immagine complessiva.

Tengono ancora banco le proposte di sempre, con in testa la costruzione di nuovi parcheggi nel Borgo cittadino, considerata come l’unica soluzione per risollevare le sorti delle agonizzanti attività commerciali. La mancanza di fondi, poi, costringerà all'uso dello strumento del project financing, col pericolo di speculazioni che allontanerebbero le aree dal loro utilizzo sociale. Una visione miope e pretestuosa.

E’ questa la soluzione per favorire la rinascita commerciale, economica e sociale della città?

Certo che no. Il problema del commercio tarantino e dello svuotamento del Borgo ha radici profonde:

 - la presenza di parcheggi a pagamento dai costi sproporzionati, soprattutto nel contesto di una

  realtà economica come quella tarantina

- il malfunzionamento dei trasporti pubblici, che non facilita, anzi, scoraggia l’utilizzo dei mezzi

- politiche che hanno favorito la nascita di centri commerciali all’ingresso della città

- assenza di centri di aggregazione sociale e culturale

- assenza di politiche per la mobilità sostenibile

 

E‚Äô ora di porre fine alla sinfonia stonata che ripete ossessivamente che pi√Ļ auto e pi√Ļ parcheggi facciano il bene del commercio e del centro.

Come è stato ampiamente dimostrato fino a oggi, scelte improvvisate dettate dalla fretta, senza la necessaria attenzione, possono solo chiudere momentaneamente la falla.

Le opportunit√† di creare nuove infrastrutture sociali, culturali e universitarie, promuovere la mobilit√† sostenibile e aumentare la qualit√† della vita invece, sono sicuramente un‚Äôalternativa che non possiamo lasciarci sfuggire e che ripopolerebbe il Borgo umbertino, rendendo pi√Ļ attrattiva la nostra citt√†.

Altre realtà nazionali hanno dimostrato come l’ unione tra le nuove forme di organizzazione economica e culturale garantiscano un progresso costante e duraturo. E’ di fondamentale importanza che in questa nuova fase propositiva si dia spazio a nuove e radicali idee alternative, che soddisfino il bisogno sempre crescente di rinnovamento.

 COSA PROPONGONO LORO                     

  • Parcheggi a pagamento in centro ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†¬†
  • Speculazioni dei privati ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†¬†
  • Partecipazione fittizia ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†

 COSA PROPONIAMO NOI

  • Spazi pubblici
  • Centri di aggregazione
  • Polo culturale
  • Mobilit√† sostenibile
  • Miglioramento del trasporto pubblico
  • Parcheggi di snodo esterni al Borgo e alla citt√†

____________________________________________ 

Altre Economie per Taranto

Ammazza che Piazza

ArcheoTower Occupata

Io Voglio Restare ‚Äď Taranto

Link Taranto

Rete ViviTaranto

Sinistra in Movimento

The Howlers - Bike Group Taranto

____________________________________________

 


Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote