HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Mostri.... edilizi
sabato 26 ottobre 2013

da osservatoriolegnc@libero.it




onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

                                                                                   Pregg.   Presidente Regione Puglia

             Assess. Urban. Prof. BARBANENTE

                        

 

 RICORDERETE, SPERO, LA QUERELLE CHE ANNI ADDIETRO HA INTERESSATO IL VERSANTE ORIENTALE DI TARANTO…

¬†"Mostri" edilizi ‚Äď L'ingegnere contro l'architetto

Ing.Antonio Curri

Sono un ingegnere manduriano e mi sono sentito ‚Äúseccato‚ÄĚ dalle espressioni usate dall‚Äôarchitetto Nevio Conte a proposito del complesso scolastico Polivalente, ubicato in una zona periferica di Manduria ma non certo all‚Äôinterno del Parco Archeologico

 

Ritengo necessario fare delle premesse, prima di addentrarmi nel merito.

Negli anni 70/80, l’espansione urbanistica di Manduria, dotato di Prg avveniva verso la zona Nord, e di conseguenza l’Amministrazione dell’epoca pensò di allogare in quell’area un complesso scolastico che potesse servire gli utenti della zona, senza sottoporli all’attraversamento della linea ferroviaria che divide in due il centro abitato.

Il progetto veniva approvato  ed appaltato.

Gli adeguamenti alle nuove norme in materia edilizia nel tempo, hanno richiesto tempo e denaro, non consentendo cos√¨ di far fronte alle necessarie risorse finanziarie per il completamento dell‚Äôopera. Perfino adesso, si √® cercato di farlo rientrare nell‚Äô‚ÄĚArea Vasta‚ÄĚ.

Questa¬† premessa √® stata necessaria per chi non conosce i fatti e si limita a ‚Äúcredere‚ÄĚ quanto ha detto l‚Äôarchitetto Conte. Io mi chiedo: perch√© Conte si √® ‚Äúaccanito‚ÄĚ su questo fabbricato incompleto (lo ha fatto anche in precedenza!) definendolo a suo dire ‚ÄúMostro Edilizio‚ÄĚ?

Comprendo lo sfogo che pu√≤ avere un‚Äôarchitetto di prestigio a capo di un‚Äôassociazione che mira ad eliminare le opere ‚Äúincongrue‚ÄĚ come quella in questione! Non giustifico per√≤ l‚Äôazione limitativa che lo stesso profonde nell‚Äôaffrontare il problema‚Ķ Mi spiego.

A cosa serve sollecitare il commissario prefettizio del Comune di Manduria, la Provincia di Taranto e persino la Regione Puglia ad eliminare detto “Mostro Edilizio, quando si sa in partenza che non ci sono gli strumenti (o almeno non ne sono a conoscenza) per farlo? Con quali normative e con quali risorse? Forse farebbe bene ad impiegare il suo tempo a sensibilizzare la Regione Puglia per legiferare nel merito, come ha fatto la Regione Emilia Romagna con la Legge n.16 del 15.07.02 che riguarda le “ Norme per il recupero e la promozione della qualità architettonica e paesaggistica del territorio.

L‚Äôart. 10¬† si riferisce agli ‚Äú Interventi per l‚Äôeliminazione di opere incongrue‚ÄĚ che di seguito riporto:

Art. 10 ‚Äď Opere incongrue, progetti di ripristino e interventi di riqualicazione del paesaggio

Ai fini della presente legge si definiscono opere incongrue le costruzioni e gli esiti di interventi di trasformazione del territorio che per impatto visivo, per dimensioni planivolumetriche o per caratteristiche tipologiche e funzionali, alterano in modo permanente l‚Äôidentit√† storica, culturale o paesaggistica dei luoghi. La Regione definisce con atto di indirizzo e coordinamento di cui al comma 1 dell‚Äôart. 16 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 20, recante ‚ÄúDisciplina generale sulla tutela e l‚Äôuso del territorio‚ÄĚ, ulteriori elementi che connotano le opere incongrue e i criteri generali per la loro individuazione.

L‚Äôindividuazione di opere incongrue pu√≤ essere operata anche attraverso un accordo di programma promosso dalla Regione, dalla provincia o dal comune. Con ci√≤, ritengo di ‚Äúcriticare‚ÄĚ l‚Äôintervento dell‚Äôarchitetto perch√© privo di soluzioni concrete applicabili alla questione in oggetto!

Il mio vuol essere semplicemente un invito ,a che certe considerazioni ‚Äúimbarazzanti‚ÄĚ vengano supportate da elementi e proposte concrete , cos√¨ come evidenziato in precedenza e non solo ‚Äústrillate‚ÄĚ come √® avvenuto in questa circostanza.

Bisogna sensibilizzare gli Enti preposti (vedi Regione)perch√® intervengano con propri provvedimenti (vedi Regione Emilia Romagna); in maniera tale che certe situazioni ‚Äúincresciose‚ÄĚ si possano risolvere nel solco della legalit√† e trasparenza.

E mi creda , se mi sono permesso di rispondere all‚Äô ‚ÄúAppello‚ÄĚ lanciato dall‚ÄôArch. Conte √® solo per far notare che a Manduria non c‚Äô√® solo chi chiude gli ‚ÄúOCCHI e la MENTE‚ÄĚ o resta ‚ÄúINDIFFERENTE‚ÄĚ come √® stato sottolineato nell‚Äôarticolo dallo stesso architetto.

EBBENE,

signori cari, passano gli anni, quel rudere che qualcuno ha voluto difendere strenuamente √® ancor l√¨, probabilmente non all‚Äôinterno del Parco‚Ķ punti di vista‚Ķ questione di lana caprina‚Ķ quella nefandezza edilizia √® ancora l√¨ a scempiare e ad offendere quello che per noialtri rimane pur sempre lo stupendo scenario del ‚ÄúParco Archeologico di Manduria‚ÄĚ.

Nell’invitare a visitare quei luoghi per comprendere quante verità e quale seccatura intercorreva tra l’architetto e l’ingegnere,

chiediamo quanti secoli dovranno passare, perché venga fatta giustizia di luoghi che andrebbero diversamente tutelati e difesi?

 

Taranto lì, 25.10.13                                                                                                                                  presidente




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote