HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Piani sociali di zona : Appello urgente

venerdì 15 novembre 2013

da Segreteria Sud in Movimento




Nei giorni scorsi abbiamo appreso casualmente che sono state avviate le procedure per la stesura e l'approvazione dei nuovi Piani Sociali di Zona.
In particolare in questa primissima fase è stata aperta, chiusa e poi riaperta la procedura per l'accreditamento delle nuove associazioni che vogliono contribuire alla realizzazione dei Piani sociali di Zona di di cui il Comune di Grottaglie è capofila.
Tale accreditamento dà diritto alle associazioni territoriali di poter contribuire all'individuazione dei bisogni del territorio, mettendo in condizione le istituzioni di potere spendere al meglio le risorse economiche disponibili.
L'interazione tra associazioni, sindacati ed istituzioni da vita ad un processo decisionale partecipato che vede protagonisti i cittadini nella gestione dei soldi pubblici.
Sud in Movimento lancia un appello ed un invito a tutte le associazioni, aventi diritto ed appartenenti all'AMBITO 6, di presentare il modulo di accreditamento per la stesura e l'approvazione dei piani sociali di zona.
La proroga della scadenza per la presentazione del bando è stata magnanimamente prorogata di tre giorni lavorativi, il 19 NOVEMBRE 2013, su richiesta di alcune associazioni che si erano viste interdetta la possibilità di contribuire ad uno dei pochissimi processi partecipativi attualmente a disposizione.
Ebbene, pur essendoci un nuovo assessore, la gestione dei processi partecipativi resta tale e quale a quella degli scorsi anni. Infatti, l'Ufficio di Piano e l'assessore Aurelio Marangella hanno reputato sufficente appendere un avviso nella bacheca comunale ed esporre uno sperduto link sul sito comunale a soli 4 giorni lavorativi della prima scadenza del 11 novembre..
Al di là delle imbarazzanti giustificazioni espresse dall'assessore, data l'importanza e la valenza di tali possibilità di partecipazione, si sarebbe potuto fare molto di più con piccolissimi mezzi.
Ricordiamo all'assessore Marangella, all'Ufficio del Piano ed in generale agli organi amministrativi, che non meno di un anno fa è stato effettuato il censimento di tutte le associazioni territoriali dove veniva richiesto anche un indirizzo e-mail al quale far pervenire eventuali comunicazioni.
Una e-mail ha praticamente un costo diretto pari a zero e l'invio della stessa necessita di un semplice click.
Certo poco più complesso e dispendioso sarebbe stata l'affissione pubblica, ma discutere sul costo di tale operazione sarebbe irrispettoso e ridicolo.
Continuare ad infierire sulla mancanza di sensibilità alla trasparenza e alla partecipazione sia da parte dell'assessore che dell'ufficio di piano sarebbe come sparare sulla croce rossa.


Link per l'accreditamento:

http://sudinmovimento.us3.list-manage1.com/track/click?u=c2c3704a55d3a4cb9070059e6&id=6b146ffb0c&e=a41055e302

Il presidente
Giovanni Annicchiarico
==============================================




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote