HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Caro STEFANO..........
giovedì 28 novembre 2013

da osservatoriolegnc@libero.it




CONTE arch

Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

LETTERA APERTA AL SINDACO

Vergognosa, semplicemente vergognosa¬† la gestione di questa citt√†, rabberciata alla meno peggio in ogni dove e per ogni cosa. Vergognosa! Vergognosa la latitanza dell‚Äôamministrazione comunale, la sua disattenzione, la sua incapacit√† di ‚Äúdecisioni forti‚ÄĚ,¬† di un guizzo di orgoglio, di affrancarsi da sudditanze partitiche, personali, da vassallaggi ideologici ed economici, per riappropriarsi del ruolo e rispettarlo.

¬†Vergognoso l‚Äôabbandono dei pi√Ļ deboli, per i quali non esiste una politica di sostegno che sia altro da pura e semplice ‚ÄĚelemosina‚ÄĚ, per i quali il lavoro non √® un diritto, la casa non √® un diritto, vivere dignitosamente non √® un diritto.

Riprovevoli i proclami post ‚Äúrinnovo mandato‚ÄĚ del sindaco che, in un momento di ebbrezza, dichiar√≤ che sarebbe stata sconfitta la disoccupazione.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†

Forse, forse Stefano, peraltro ottimo medico e stimabile persona, ha creduto davvero in quello che affermava, sennonch√© i fatti hanno mostrato una ‚Äúsorta di leggerezza dell‚Äôessere‚ÄĚ, una mancanza di determinazione e coraggio nel districare nodi ed intrecci, nell‚Äôaffrontare a muso duro i problemi di Taranto.

Quando in campo dovevano essere messe le migliori intelligenze, le professionalit√† pi√Ļ competenti e libere per disegnare il futuro, un futuro possibile e rinnovato, ecco il crollo, le scelte su ‚Äúbase fiduciaria‚ÄĚ, la volont√† di accontentare ed accontentarsi, lasciando, di fatto, inalterato lo status quo.

Nessuna creazione di posti di lavoro, amministratori -salvo qualcuno- non inclini a battere strade nuove, un sindaco sempre pi√Ļ autoreferenziale ed incapace di alzare il tono di voce e di pretendere il rispetto dei diritti della citt√† e dei cittadini, defraudati anche della speranza.

Allora, trend della disoccupazione sempre pi√Ļ incontenibile, chiusura di migliaia di negozi, giovani e meno giovani costretti a lasciare la citt√†,¬† abusivismo dilagante in ogni settore, famiglie sempre pi√Ļ povere senza alcun¬† diritto alla casa ed alla sopravvivenza spicciola, incremento della piccola criminalit√†, sistematica elusione di tutte le regole e di tutti i diritti. Un sud povero, sempre pi√Ļ povero.¬† Uno scenario pauroso dal quale sar√† sempre pi√Ļ difficile venir fuori. Lo conferma l‚ÄôISTAT nei conti economici regionali. Ecco i dati.

Nel 2012 il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 nel Nord-est e a 27.941 nel Centro. Su ''un livello nettamente piu' basso'' si colloca il Pil pro capite del Mezzogiorno, con un valore di 17.416 euro, inferiore del 42% rispetto a quello del Centro-Nord. In altre parole il Prodotto interno lordo nel meridione e' pari quasi alle meta' di quello registrato nel resto del Paese.(ANSA) - ROMA, 27 NOVEMBRE.

Che fare?

Si deve cominciare dal ripristino della legalit√†, dall‚Äôosservanza dei diritti e dei doveri, a cominciare dal diritto al lavoro, quindi diritto alla casa, diritto sempre pi√Ļ negato ai bisognosi in nome delle compiacenze solite e dei soliti intrallazzi, che vedono assegnatari soggetti non certamente bisognevoli.

Di fatto, √® ‚Äúemergenza casa‚ÄĚ in una citt√† in cui interi quartieri sono costituiti da immobili di ‚Äúedilizia popolare‚ÄĚ; in cui nel patrimonio comunale sono confluiti oltre 200 immobili confiscati, magari lasciati in ‚Äúcomodato d‚Äôuso gratuito‚ÄĚ ai proprietari abusivi (pagano un canone di locazione, IMU, spazzatura, bollette, dal momento che proprietario risulta il comune?);¬† in cui esiste un gran numero di immobili confiscati alla mafia; in cui esiste un patrimonio immobiliare lasciato alla merc√© di incuria ed abbandono, che potrebbe e dovrebbe essere recuperato, anche per ridare dignit√† a questa citt√† martire e martirizzata; in cui si cambia destinazione d‚Äôuso a case popolari senza le regole previste che rappresentano la conditio sine qua non per non incorrere in un abuso edilizio (come nel caso di alloggi trasformati in studi professionali o sedi di patronati, dotatisi autonomamente di una linea di citofono ed apertura cancelli, frequentati da ogni sorta di individui, che suscitano non pochi timori negli abitanti del condominio, perch√© non hanno interesse, ad esempio, a chiudere le entrate degli stabili).

 

Forniamo, a puro titolo informativo, dettagli di regole per il cambio di destinazione.


1)necessario verificare che  il locale Piano Regolatore consenta il cambio di destinazione nella zona oggetto dell’intervento;

2) se il cambiamento d’uso è solo  funzionale basterà presentare la Scia ai sensi della Legge 30 luglio 2010 n. 122, a firma di un tecnico abilitato;


3)se, invece, per poter svolgere  delle  nuove funzioni, è necessario compiere delle modifiche strutturali o distributive, bisognerà richiedere un Permesso di Costruire;

4)bisogna tenere conto dei regolamenti  condominiali , perché, in caso di divieti, non sarà sufficiente la strumentazione urbanistica a consentire il cambio di destinazione.

Se, dunque, la normativa è abbastanza severa per i cambi di destinazione, come mai nella nostra città questi sono così diffusi? Siamo sicuri che il tutto non avvenga contra legem, contro i diritti di chi possiede tutti i requisiti per un alloggio popolare?

Il comune ha mai pensato di provvedere alla verifica a tappeto?

Se no, come prevedibile, cosa aspetta?

Non si può sempre e solo rinviare perché certi bisogni, come  cibo e casa, non possono attendere! Che gli amministratori provino, in queste notti di gelo, a dormine in macchine o in luride stamberghe prive di serramenti. Solo dopo potranno, guardando in faccia queste persone, dire che non ci sono case o che devono aspettare.

 

Taranto lì, 27.11.13                                                     Emma B. Conenna




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote