HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
FONDI UE: LA CAMERA APPROVA ACCORDO DI PARTENARIATO METTENDO A RISCHIO 90 MILIARDI DI EURO
mercoledì 9 aprile 2014

dure critiche da parte del MoVimento 5 Stelle, dopo che Bruxelles aveva già redarguito il Governo Italiano

da Valerio L'Abbate
Assistente Deputato Giuseppe L'Abbate




FONDI UE: LA CAMERA APPROVA ACCORDO DI PARTENARIATO METTENDO A RISCHIO 90 MILIARDI DI EURO

 

Tutte le forze politiche avallano la versione italiana, già pesantemente redarguita da Bruxelles, mentre il MoVimento 5 Stelle esprime dure critiche per l’approssimazione nella stesura del documento che potrebbe pregiudicare lo sviluppo italiano

 

Approvata, questa mattina, in Commissione Agricoltura alla Camera la bozza italiana di Accordo di Partenariato. Hanno votato favorevolmente tutti i gruppi politici tranne il MoVimento 5 Stelle (assente Forza Italia) che contesta il documento. “Una votazione che ci lascia a dir poco perplessi – dichiara Giuseppe L’Abbate, deputato pugliese M5S Comagri – I partiti non si rendono conto che questo atto, così com’è scritto, non porterà alcun miglioramento al nostro Paese”. L’Accordo di Partenariato tra Italia ed Unione Europea è il documento strategico alla base della programmazione dei Fondi Strutturali 2014-2020 e che impegnano il 37,5% del bilancio complessivo dell’UE. I fondi presenti sono il FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale), il FSE (Fondo sociale europeo), il FC (Fondo di Coesione), il FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) ed il FEAMP (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca).  

 

“Si tratta di 90 miliardi di euro, tra fondi comunitari e cofinanziamento nazionale, che resteranno sottoutilizzati in Italia per mancanza di pianificazione – continua L’Abbate (M5S) – e che non avranno altro effetto di lasciare le cose così come stanno. Regioni virtuose sempre più virtuose e regioni in difficoltà che perdureranno nella crisi. I rilievi mossi da Bruxelles alla bozza italiana di accordo, infatti, evidenziano debolezza nella logica di intervento in relazione ai risultati attesi, inadeguatezza delle misure previste rispetto agli obiettivi specifici, fino alla non chiara definizione della strategia complessiva di sviluppo. In pratica – prosegue il deputato pugliese 5 Stelle – non siamo stati capaci ancora una volta di scrivere un progetto. Eppure i nostri colleghi degli altri partiti in Commissione Agricoltura non sembrano essersene accorti, tanto da approvare una deliberazione positiva a questo accordo, basandosi solo sulla fiducia cieca a questo ‘nuovo’ esecutivo. Un Governo che sinora, però, non ha dato prova di essere così diverso dai precedenti”.

 

All’Italia restano da spendere, entro il 2015, circa 15 miliardi di euro, pena la restituzione. Praticamente, da contribuente netto dell’UE, il nostro Paese rischia anche di ridare indietro i soldi che non ha saputo utilizzare. Mentre, entro il 2022, l’Europa ha garantito all’Italia circa 30 miliardi di euro. Considerando la compartecipazione dello Stato italiano, dunque, si tratta di circa 90 miliardi di euro da spendere (più o meno il valore di quattro “finanziarie”) e su cui mancano ancora misure chiare e concrete per il loro utilizzo. “Questa mattina – conclude Giuseppe L’Abbate (M5S) – si è persa un’occasione importante per poter dare un segnale di cambiamento all’impostazione troppo politicante e poco tecnica che il nostro Paese ha sempre avuto. Ancora una volta saranno solo i cittadini a pagare per l’incapacità di una classe politica che si rifiuta di ‘crescere’”. 

 

 

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote