HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Torre D'Ayala... illustre vittima
venerdì 6 giugno 2014

da osservatoriolegnc@libero.it




Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

TORRE d'AYALA: UN GIOIELLO DA RECUPERARE

 

‚ÄúItalia Nostra‚ÄĚ ha organizzato, in collaborazione con l‚ÄôOrdine degli Architetti e con la Soprintendenza ai Beni Archeologici della Puglia due eventi in programma gioved√¨ 5 e mercoled√¨ 11 giugno 2014, presso la Sala degli Incontri del Museo Archeologico Nazionale ‚Äď Taranto - dalle ore 17,00 alle 19,00 aventi per oggetto ‚ÄúLa Torre d‚ÄôAyala‚ÄĚ.

Le conversazioni saranno così articolate:

5 giugno: “Dentro e fuori le mura: resti archeologici nell’area di Torre d’Ayala;

11 giugno: ‚ÄúLa Torre d‚ÄôAyala: un patrimonio invisibile?‚ÄĚ

Bene, benissimo, questa attenzione, nuova, appare quasi miracolosa, dopo che come Osservatorio per anni abbiamo segnalato, chiesto, sollecitato interventi. Ecco, di seguito, una delle tante lettere inviate a sindaci, assessori regionali, ecc., lettere probabilmente cestinate da chi ¬†si guarda bene dal prestare attenzione alla citt√† ed ai suoi bisogni, perso dietro ‚Äúmirabilia‚ÄĚad effetto.



ANTICA TORRE NELL’ OBLIO DI UNA CITTÀ SOFFERENTE E MORTIFICATA

Percorso il Lungomare, ecco spuntare una Torre.. e che TORRE!calata com'è in  un superbo scenario, visione che dovrebbe per lo meno suscitare in chiunque un’emozione, uno stato d’animo particolare, sensazione di bellezza e di apprezzamento.

Ma non appena ci si rende conto di essere a Taranto, tutto viene stravolto, sconvolto,vieni drasticamente riportato alla tragica realt√†, quella opaca di tutti i giorni, schiaffeggiato da mille controsensi, da innumerevoli brutture, al punto che ‚Äúbrutto‚ÄĚ finisce con l‚Äôapparire finanche quell‚Äôantico manufatto, ¬†da anni in uno stato pietoso e comatoso ‚Äúmalamente tenuto‚ÄĚ ridotto al collasso, anticamera della definitiva perdita di un bene inestimabile.¬†

Per certi versi dovremmo essere grati alla Marina Militare, riconosce il merito di aver sottratto pregevoli angoli di un territorio che, se fossero rimasti nella disponibilità dei nostri  amministratori,  sarebbero andati distrutti. 

Taranto oggi √® Base NATO, non siamo pi√Ļ la Citt√† che per secoli ha convissuto con la M. Militare, siamo assediati, ovunque ci sono Militari, ovunque ¬†zone della citt√† sottratte alla fruizione. ridotte a lande desolate tappezzate da scheletri e rottami, ma sempre nella disponibilit√† della Marina.

E per questo incommensurabile regalo non si pu√≤ che ringraziare i nostri politici: senatori, onorevoli e sottosegretari che ‚Äúhanno saputo difendere‚ÄĚ la Citt√†. Grazie, grazie di tutto! Dovremmo e avremmo dovuto, in realt√†, ¬†difenderla proprio dai nostri politici! Invece, invece ci ritroviamo con gioielli come la Torre imprigionata da ignobili cancellate sui quali spicca il cartello:¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†DEMANIO MILITARE ‚Äď ATTENZIONE PERICOLO ‚Ķvietato l‚Äôaccesso e la sosta‚Ķecc. ecc. quasi bastasse un cartello ammonitore per scrollarsi di dosso ogni responsabilit√†‚Ķ Beh, siamo a Taranto, tutto √® possibile, d‚Äôaltronde i proprietari di tanti fabbricati murati ed abbandonati, fanno di pi√Ļ e di peggio‚Ķ¬†

Non basta un Cartello ammonitore per preservare un bene, innanzitutto ‚Äúla pubblica incolumit√†‚ÄĚ.¬†

Perch√© non si interviene per ordinare i lavori di consolidamento volti a scongiurare il ‚Äúcrollo‚ÄĚ, dato che l‚Äôimpropria ‚Äúgabbia‚ÄĚ dell‚Äôantistante area non serve a nulla?Nel caso di incidenti, di chi le responsabilit√†?¬†

Del Comune che non emette Ordinanza‚Ķ o dei cittadini che non la degnano forse neanche pi√Ļ di uno sguardo o della Marina che sa ¬†affiggere solo cartelli?

Non c’è che dire. Splendido, superbo esempio di comportamento amministrativo per i tanti proprietari di immobili abbandonati sparsi ovunque sul territorio a far scempio di tutti i quartieri!

L’Osservatorio della LEGALITA’ non ritiene giusto che Torre D’Ayala possa essere massacrata, bistrattata, addirittura schernita sulla stampa.

Ricorderete, lo scorso anno, proprio la Torre D‚ÄôAyala, uno dei favolosi gioielli cittadini venne DECLASSATA A ‚ÄúBRUTTURA‚ÄĚ ¬†e collocata al 18¬į POSTO nella classifica nazionale.

Nell‚Äôavviare la petizione ‚ÄúSalviamo Torre D‚ÄôAyala‚ÄĚ, auspicavamo si potessero scuotere le coscienze degli Amministratori per indurli ad avviare iniziative volte alla salvaguardia dei monumenti e dell‚Äôintera Citt√†, almeno per il decoro. Risultato? Zero.

Quanti fabbricati privati, ma soprattutto pubblici versano in pietoso stato d’abbandono?

Perché non viene riattivato… ma seriamente l’ufficio  dissesti  statici ?

Solo le Ordinanze (art. 33 del R.E.) potrebbero comportare tanto, ma tanto lavoro in una citt√† che affoga nella disperazione pi√Ļ nera. Recupero del decoro, offerte lavorative, spiragli di decollo per l‚Äôindustria del turismo. E vi pare poco? Evidentemente ‚Äús√¨‚ÄĚ ¬†per gli amministratori incapaci della bench√® minima proposta occupazionale!

Non si pu√≤ pi√Ļ tergiversare, √® ora di intervenire, di fare qualcosa per l‚Äôintera Citt√† che da anni soffre l‚Äôindifferenza amministrativa di chi ritiene d‚Äôavere le mani legate.

 

SE SOLO SI EMETTESSERO LE ORDINANZE......

…...allora sì che CI SAREBBE TANTO LAVORO.

 

Taranto lì, 05.06.14                                                                                           presidente

                                                                                                                      E. B. CONENNA




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote