HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Martina Franca per Gaza.
Domani fiaccolata e preghiera interreligiosa per la pace in Terra Santa

sabato 26 luglio 2014

davanti alla basilica di San Martino tre diverse culture e religioni, ebrea, cattolica e musulmana si incontreranno e pregheranno insieme allo scopo di trasmettere un unico messaggio di pace

da martinafranca.ord@gmail.com




 

 

Non √® pi√Ļ possibile tacere, stare inerti davanti ad una tv che in ogni momento della giornata trasmette immagini e notizie da Gaza, terrificanti. Davanti ad uno scenario di guerra, di morte e di distruzione il Servizio di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) di Martina Franca organizza per domani, nel centro storico della citt√† della Valle d'Itria in piazza San Martino, una manifestazione di denuncia e di sensibilizzazione contro il massacro che si sta consumando nella striscia di Gaza ai danni dei suoi abitanti, costretti a vivere in una prigione, in un angolo di terra, chiusi tra muri e recinzioni, continuamente attaccati e uccisi anche con armi di distruzione di massa delle¬† forze sioniste israeliane.

Sarà questa occasione per condividere una strada, un percorso di pace che unisca tutti, soprattutto palestinesi ed ebrei, quegli ebrei che oggi si ribellano e lottano contro ogni forma di discriminazione sociale, di razzismo e contro il sistema di colonialismo praticati dai governi israeliani.
Davanti alla basilica di San Martino tre diverse culture e religioni,  ebrea, cattolica e musulmana si incontreranno e pregheranno insieme allo scopo di trasmettere un unico messaggio di pace. A rappresentare i tre mondi religiosi anche il parroco di  Martina Franca Don Franco Semeraro, un rifugiato politico nonchè mediatore culturale dello Sprar in fuga da Gaza Wasim, ed una rappresentanza dei frati francescani in cammino verso  Assisi.  Come un coro a tre voci, la veglia di preghiera per la pace nella Striscia di Gaza sarà un momento di riflessione e di condivisione a cui tutti, martinesi e non, sono invitati a partecipare. Nel cuore del centro storico martinese, la basilica di San Martino sarà punto di riferimento e di incontro non solo per i fedeli cattolici ma per uomini e donne appartenenti a differenti confessioni religiose che leggeranno passi del Corano, dei Vangeli e della Torah, per dire basta alle atrocità di una guerra disumana e priva di ogni fondamento, che  vede tra le vittime di violenza soprattutto civili e tra questi in particolare i bambini.

Durante la manifestazione verr√† inoltre proiettato¬† un video¬† girato in questi ultimi giorni dal fratello di Wasim che ancora oggi vive con tutta la sua famiglia nel nord della striscia di Gaza. Attraverso parole e immagini, il video racconter√† la paura, le sofferenze, le difficolt√† che¬† i palestinesi sono costretti a vivere soprattutto da quando √® scattata l'operazione¬† "margine di protezione".¬† E sar√† sempre Wasim con sua moglie a consegnare la bandiera della pace ad uno dei rappresentanti istituzionali del Comune di Martina Franca. Comune che ricordiamo¬† ha preso proprio recentemente una posizione chiara e netta in merito a questa questione: ha infatti approvato un ordine del giorno con cui ha chiesto non solo la fine del conflitto, e della " rappresaglie e le vendette di ogni parte", ma tra le altre cose ha rivolto un appello al governo nazionale - oggi alla Presidenza dell'Unione Europea: l'interruzione della fornitura di armi, di munizioni, di sistemi militari, come pure ogni accordo di cooperazione militare con Israele. L‚ÄôItalia non pu√≤ ripudiare la guerra e poi avere stretti rapporti commerciali e militari con chi fa della guerra la sua forma di ‚Äúdialogo‚ÄĚ. La speranza √® che l'articolo 11 della Costituzione Italiana non resti solo nella carta ma trovi applicazione e diventare un modus operandi, un discrimine con il quale scegliere gli stati amici.

Sempre durante l'iniziativa, un'altra bandiera proprio quella palestinese, realizzata da alcuni abitanti martinesi, amici di Wasim, sarà invece consegnata ad un abitante di Martina Franca che si è reso disponibile ad appenderla all'esterno della sua abitazione, nella piazzetta antistante la Basilica di San Martino.

La manifestazione si concluderà con una fiaccolata: tante candele accese per smuovere le coscienze, e sensibilizzare l'opinione pubblica italiana  sull'indifferenza che il governo nazionale pone alla questione palestinese. 

Tutte le candele accese daranno vita ad una scritta "Pace a Gaza" un messaggio chiaro che si accenderà a Martina Franca, un bagliore di luce positiva per chiedere la fine del conflitto.

 

A partecipare anche i minori non accompagnati presenti a Taranto ospitati nella struttura baby club insieme agli operatori volontari. L'appuntamento è alle 19.00 presso la Basilica di San Martino in Piazza Immacolata a Martina Franca.

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote