HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Le verità parziali di Confindustria Taranto
venerdì 1 agosto 2014

da Rosa D'Amato
Portavoce M5S Parlamento Europeo




 

Mentre Confindustria Taranto proclama l'utilità di progetti e annuncia risultati storici per il territorio, non è possibile stare inermi e accettare l'ennesima verità parziale.

Parziale poiché rappresentativa di quella parte che sino a oggi ha compartecipato alla gravissima crisi di Taranto, delle sue attività e del suo ambiente.

Quali scelte sono state infatti compiute? A vantaggio di chi? Con quali risultati?

Al di là della crisi internazionale, Taranto ha subito il susseguirsi di una progettazione sbagliata e di una progettazione per nulla lungimirante nel comparto industriale. Decisioni che troppo spesso sono state concertate fra poche realtà e che sono andate a sostenere un numero di soggetti assolutamente limitato, senza tenere in considerazione l'insieme delle potenzialità produttive e occupazionali locali.

Si pensi alla raffinazione, alla produzione del cemento, a una serie di servizi navali e portuali che stanno soffrendo le conseguenze di attribuzioni e selezioni incaute, il più delle volte operate proprio dagli industriali tarantini, incuranti dei bisogni  del territorio e mai diversificate in modo da poter dare respiro agli investimenti, alla produzione  e ai conseguenti posti di lavoro.

 

Verità parziali, quelle di Confindustria Taranto, poiché generalmente indifferenti all'impatto ambientale e sanitario degli orientamenti assunti. Scelte che pongono i lavoratori di fronte a una sorta di ricatto: occupazione o salute. Decisioni che privilegiano altre realtà regionali, a discapito proprio di Taranto, come nel caso dei vari collegamenti infrastrutturali, che vedono questa zona fortemente penalizzata.

 

La verità di Confindustria Taranto è quella dell'aver sempre assegnato nel tempo le aree portuali strategicamente migliori alle attività industriali più pesanti e impattanti, escludendone l'utilizzo ad esempio ai traghetti e alle grandi navi di linea per i passeggeri, e tagliando al contempo ogni potenzialità di sviluppo per la piccola e media imprenditoria, per i pescatori, gli agricoltori e gli allevatori. Per non parlare poi del comparto turistico, in ginocchio.

 

E' ora di spiegare qual è l'effettiva realtà, senza timore e senza sconti di alcun genere. I cittadini, gli imprenditori di Taranto meritano soluzioni e proposte che non si rivelino un'ulteriore minaccia.

Non siamo più disponibili a subire: abbiamo già dato! E ora dobbiamo riprenderci il nostro territorio e restituire a Taranto un futuro.

 

Anche per questo motivo, Rosa D'Amato, parlamentare del Movimento 5 Stelle in Europa, ha deciso di far sentire la propria voce: “Ho chiesto e ottenuto di parlare col prefetto. Gli ho fatto presente, con il supporto di un documento scritto, che i cittadini, le associazioni e i comitati non sono contro gli imprenditori, ma chiedono loro di essere lungimiranti e programmare da subito attività economiche alternative alla grande industria.”  

 

 

Rosa D'Amato

Portavoce al Parlamento Europeo

Movimento 5 Stelle




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote