HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
LETTERA APERTA AL SINDACO:
GIOCO SPORCO NEL COMUNE DI TARANTO

lunedì 29 settembre 2014

da osservatoriolegnc@libero.it




redazione@tribunadelsalento

Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 


 

Taranto ha, tra gli altri, il difetto della carenza di verde, ragion per cui l'amministrazione, delegata a rappresentare le esigenze dei cittadini, dovrebbe tenere oltremodo alla cura di giardinetti-piazzette-aiuole.

Sennonch√©, pur avendo appaltato il servizio ad una azienda apposita, con conseguente dispendio di danaro pubblico, la situazione non √® delle pi√Ļ felici.

Valga per tutti il giardinetto di via Lucania, decisamente sporco tanto da renderne problematica la fruizione, in specie per i bambini, costretti ad un "gioco sporco"in una zona che, e per spesa pubblica e per posizione, dovrebbe rappresentare un fiore all'occhiello.

Ci chiediamo: dobbiamo accettare la situazione? Dobbiamo "sollecitare" il comune perchè "solleciti" l'azienda appaltatrice a rispettare i termini del contratto? O, meglio per la certezza del lavoro, rivolgerci ai ragazzi di "Ammazza che piazza" che , da anni, gratuitamente, svolgono un servizio egregio per la collettività? E, sindaco, un flash: perchè l'appalto non è stato affidato ai ragazzi appena citati che hanno dimostrato impegno e precisione? Cosa farcene di un "guardiano del parco" che respinge l'ipotesi di pulire con un "Non mi spetta" e che dovrebbe...cosa dovrebbe fare?

Francamente, a voce di tantissimi cittadini, diciamo di essere stufi di questo andazzo, di pagare tasse senza ricevere servizi efficienti, di essere cittadini alla mercè di chiunque e degli umori di chiunque. Le regole vanno rispettate: i doveri ma anche i diritti! Allora? Chi di dovere controlli i capitolati di appalto e la corretta esecuzione, ad evitare il reiterarsi di episodi come quelli accaduti nella Città Vecchia con rischio per gli abitanti e dispendio di fondi pubblici.

Caro sindaco, ancora per molto questa città dovrà essere abbandonata a sè stessa? Possibile non si abbia uno scatto di orgoglio e di amore?

 

Taranto lì, 29.09.14                                                                                                    Emma B. Conenna                                                      

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote