HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Il ratto delle chianche
sabato 4 ottobre 2014

da Segreteria Sud in Movimento




Via Appia Antica: “strada romana che collegava Roma a Brindisi, il più importante porto per la Grecia e l'Oriente nel mondo. È la più famosa strada di cui siano rimasti i resti, confermata dal soprannome con il quale i Romani l’appellavano: regina viarum (La Regina delle Strade).” Con queste parole è definita una delle strade più importanti dell’antica Roma, ancora esistente. Calpestata dallo storico Spartacus, fiore all’occhiello di Augusto, Vespasiano, Traiano e Adriano, che la ampliarono; restaurata da Papa Pio VI, conosciuta come “La via dei Crociati”, rivalutata nel rinascimento e voluta con “Perizia e precisione degna dei migliori ingegneri” dal censore Appio Claudio Cieco nel 312 a.C.

Ebbene, dopo oltre 2300 anni, c’è voluta la mano dell’attuale Amministrazione, sotto la direzione di Cirus Alabreses, nell’anno Domini 2014 d.C., per spodestare la Regina delle strade. In barba al rispetto dovuto a “chianche” che hanno collegato l’Europa all’Orinete, le abbiamo, infatti, viste accatastate ai bordi della strada, durante i lavori previsti in via Ennio che, per una decina di giorni, hanno paralizzato la città. Accatastate lì, alla portata di tutti.
Tralasciando però la questione puramente logistica, quelle “chianche”, d’alta rilevanza e testimonianza storica … che fine hanno fatto? Dove sono andate a finire?

Ennesima domanda “a tema” che Sud in Movimento rivolge a quest’Amministrazione. Analoga, infatti, a quella protocollata sottoforma d’interrogazione a risposta scritta nel lontano marzo 2013 d.C., inerente proprio alle “chianche”, quelle estirpate nel centro storico durante i lavori svolti dall’Acquedotto Pugliese. Com’è facile intuire, non è mai giunta nessuna risposta. Dove sono? Che fine hanno fatto? Sono state numerate e conservate? O sono già finite nel giardino di qualcuno?
Non lo sapremo mai.

Il fatto comunque d’ignorare interrogazioni di ogni genere o richieste d’accesso agli atti, è prerogativa di questi Assessori, in particolare di quello ai Lavori Pubblici: Alfonso Annicchiarico. Come sopra inteso, non avendo mai risposto all’interrogazione, non ha nemmeno ancora fornito al consigliere Ciro D’Alò tutta la documentazione completa inerente al progetto di ripristino delle Cave di Fantinao … richiesta che gli è pervenuta già da mesi ma mai onorata.

Un milione di euro saranno spesi a Fantiano, tra fondi regionali e comunali, per un’ennesima cementificazione nel Parco delle Gravine e per chissà quale “recupero” ancora una volta per mano di “chi” quei luoghi li ha già resi uno scempio; in barba alla conoscenza dei luoghi, delle sue necessita e dell’opinione dei cittadini.

Dobbiamo dedurre che le risposte non vengono fuori per motivi ambigui? O perché quet’Amministrazione è già sotterrata? … aspettiamo allora altri 2300 anni! Magari, oltre alle ossa fossilizzate dei nostri Amministratori, saranno rinvenute le risposte alle interrogazioni.




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote