HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
CITTÀ METROPOLITANA: IL M5S SOLLEVA DUBBI SUI COSTI DELLA RIFORMA DELRIO
venerdì 10 ottobre 2014

da Valerio L'Abbate
Assistente Deputato Giuseppe L'Abbate




 

Senatori e deputati pugliesi 5 Stelle chiedono chiarezza su quanto “costino i capricci di Renzi” e denunciano: “una riforma che peserà interamente sulle casse di Comuni e Regione?”

 

Un pasticcio. La riforma Delrio rischia di complicare le sorti economiche di enti regionali e comunali. “Fin dal Governo Letta, quando ancora Delrio era il Ministro degli Affari Regionali e autore di questa riforma, abbiamo lanciato l’allarme –  dichiarano i deputati Giuseppe D’Ambrosio, Diego De Lorenzis, Giuseppe Brescia, Emanuele Scagliusi, Giuseppe L’Abbate, Francesco Cariello e i senatori Maurizio Buccarella, Barbara Lezzi, Daniela Donno e Lello CiampolilloMa il quadro è diventato ancora più complesso con l’avvento di Renzi”. Sul tavolo ci sono 10 miliardi di debiti che gli enti provinciali italiani hanno accumulato, per non parlare della mancata chiarezza sulla ripartizione delle funzioni e sul futuro dei dipendenti.

 

La fretta di fare una riforma-spot per gli italiani ha prodotto questo risultatodichiarano i parlamentari pugliesi pentastellatiOra si andrà nuovamente a votare per le province, ma voteranno solo sindaci e consiglieri comunali, lasciando fuori i cittadini”. Il rischio è quello di eleggere presidenti della provincia che non sanno nemmeno cosa potranno fare, né con quali risorse. “Il Movimento 5 Stelle si è opposto in ogni consesso a questa riforma, sia per la ferma convinzione che gli enti provinciali siano inutili, sia per semplice buonsensoconcludono i parlamentari pugliesi M5S non si può essere seri e al tempo stesso pensare che questa riforma possa semplificare gli enti locali. È vero il contrario: così sarà il caos”.

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote