HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Attività deputati e senatori pugliesi M5S

lunedì 13 ottobre 2014
- deputati e senatori M5S della Puglia alla tre giorni al Circo Massimo (Italia5Stelle).
-Interrogazione parlamentare del deputato pugliese De Lorenzis su costi elevati fuori Consip.

da Valerio L'Abbate
Assistente Deputato Giuseppe L'Abbate




M5S, a novembre in piazza contro l’euro

ITALIA5STELLE: PER I PARLAMENTARI PUGLIESI M5S UN EVENTO DI SANA POLITICA

 

Cittadini, parlamentari e consiglieri comunali 5 Stelle si sono confrontati su idee, proposte e percorsi politici nella tre giorni al Circo Massimo di Roma. Per deputati e senatori pugliesi, il M5S ha dimostrato di essere una vera comunità

 

Tre giorni, 177 gazebo e una folta partecipazione di cittadini, sul cui numero preciso, come sempre, si instaurano polemiche. Ma l’atteso evento del 10-11-12 ottobre al Circo Massimo di Roma, denominato Italia5Stelle, aveva come primo obiettivo il confronto ed il dialogo proficuo tra i parlamentari, ancora una volta fuori dai “palazzi del potere”, e gli elettori italiani.

 

“Un evento molto emozionante ma, soprattutto, importante – dichiarano i deputati Giuseppe L’Abbate, Emanuele Scagliusi, Diego De Lorenzis, Giuseppe D’Ambrosio, Giuseppe Brescia, Francesco Cariello ed i senatori Barbara Lezzi, Daniela Donno, Lello Ciampolillo e Maurizio Buccarella – Perché con Italia5Stelle ha preso vita l’idea di democrazia che, da sempre, anima il Movimento 5 Stelle: agorà, comizi, confronti, dialoghi, scambio spontaneo di idee e opinioni, fuori e dentro i gazebo. Una testimonianza concreta di come i cittadini non si siano allontanati dalla politica e non siano disinteressati alla gestione della cosa pubblica bensì siano oramai stufi e stanchi della politica del malaffare, dei politicanti corrotti e parolai che non mantengono una sola promessa di quelle che, costantemente, sui media o sui palchi in campagna elettorale proclamano. E siano annoiati dai giochi di potere, dalle poltrone, da quello che rappresenta la parte ‘bassa’ della politica, quella degli inciuci e degli accordi tra i partiti che gli anglosassoni distinguono dalla vera politica denominandola ‘politics’. Sono stati tre giorni nel segno del confronto con i semplici cittadini e consiglieri del M5S provenienti da tutte le regioni e da tanti Comuni – continuano senatori e deputati 5 Stelle della Puglia – Noi parlamentari abbiamo avuto modo di illustrare l’attività finora svolta all’interno delle commissioni ma il messaggio più forte lanciato dal Circo Massimo è sicuramente quello che il Movimento 5 Stelle si configura, ogni giorno di più, come una comunità che mira al bene comune degli italiani. Un movimento che punta al reddito di cittadinanza per ridare dignità a tutti i cittadini e che fa del confronto, dello scambio di idee ed opinioni l’obiettivo del proprio agire politico”.

 

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/2014/10/italia5stelle-ecco-tutti-i-materiali-informativi-pronti-da-scaricare.html

 

 

*********************************************************

 

 

 

IL M5S CHIEDE CONTO DELLE SPESE ELEVATE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI CHE NON UTILIZZANO LA CONVENZIONE CONSIP

 

Interrogazione parlamentare del deputato pugliese De Lorenzis (M5S) per spingere gli enti ad una revisione della spesa e ad evitare sperperi di denaro pubblico usufruendo del sistema di acquisti in rete per beni e servizi

 

Entrato in funzione con il decreto ministeriale del 24 febbraio 2000, il sistema degli acquisti in convenzione per la pubblica amministrazione finisce sotto la lente del deputato pugliese Diego De Lorenzis (M5S), segretario della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazione della Camera. Il sistema permette che le convenzioni assumano la forma di contratti-quadro stipulati da Consip, per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (come prevede l’art. 26 della legge 448/1999), nell’ambito dei quali i fornitori aggiudicatari di gare si impegnano ad accettare ordinativi di fornitura emessi dalle singole amministrazioni che hanno effettuato l’abilitazione al sistema “Acquisti in rete”. Un sistema che, stando all’ultima rilevazione condotta dall’Istat, consente di conseguire per la pubblica amministrazione significativi risparmi, con effetti positivi sul bilancio dello Stato.

 

“Facendo riferimento al solo 2012, tra le categorie per le quali il sistema di convenzione Consip ha più funzionato troviamo la telefonia, fissa e mobile, con risparmi che arrivano al 66,47% per la telefonia fissa e 35,90% per quella mobile voce e 51,16% per quella mobile SMS. Il risparmio è evidente – dichiara il deputato pugliese Diego De Lorenzis (M5S) – Tuttavia, ancora oggi non è garantita la totalità degli acquisti in convenzione da parte delle pubbliche amministrazioni e questo appare incomprensibile se si analizzano i dati forniti e si prende atto dell’evidente risparmio. In tempi di ‘revisione della spesa’ appare palese che vadano ridotte le inefficienze: l’acquisto mediante la convezione Consip potrebbe portare la Pubblica Amministrazione ad importanti risparmi, evitando quindi che tagli indiscriminati si abbattano sui servizi utili e di interesse per la collettività”.

 

Nell’interrogazione parlamentare, il deputato pugliese 5 Stelle chiede ai Ministri dell’Economia, della Semplificazione e dei Trasporti un intervento per garantire la fornitura completa di beni e servizi alla Pubblica Amministrazione tramite il sistema Consip e, pertanto, di effettuare anche un censimento delle amministrazioni che non rispettano la legge, in modo da poter sanzionare quelle inadempienti.

 

“Questo è il tipico caso in cui una buona legge non applicata da tutte le amministrazioni, anche per carenza di controlli, genera costi alti ed ingiustificati che vengono scaricati sulle spalle dei contribuenti e che potrebbero essere facilmente evitati – conclude il deputato Diego De Lorenzis (M5S) –  Se una pubblica amministrazione non agisce nell’interesse del cittadino, deve essere messo in moto un meccanismo che le consenta di andare verso un comportamento più virtuoso. Il M5S ha sempre detto e dimostrato che una buona amministrazione gestisce la ‘cosa pubblica’ con i criteri del buon padre di famiglia e per questo continueremo con coerenza nella nostra opera di analisi dello Stato, proponendo soluzioni a vantaggio della cittadinanza”.

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote