HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
UE, D'AMATO (M5S): IL PIANO DI INVESTIMENTI DI JUNCKER E' UNA SCATOLA VUOTA
mercoledì 26 novembre 2014

da Rosa D'Amato M5S




Strasburgo, 26 novembre 2014

UE, D'AMATO (M5S): IL PIANO DI INVESTIMENTI DI JUNCKER E' UNA SCATOLA VUOTA

"Una scatola vuota che non servirà all'Europa per uscire dalla crisi e che sancisce il fallimento di Juncker e della presidenza dell'Ue a guida Renzi". Così l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D'Amato, commenta il Piano di investimenti presentato oggi dal presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. "Il piano parla di 315 miliardi di investimenti che dovrebbero arrivare in Europa tra il 2015 e il 2017 - continua D'Amato - ma in realtà si tratta solo di soldi di carta. Le uniche risorse vere sono i 21 miliardi che la Commissione ha messo sul piatto tra i fondi del bilancio Ue e quelli della Bei, la banca europea per gli investimenti. Il resto, più del 90 per cento delle risorse previste dal piano, dovrebbe essere raccattato tra obbligazioni, prestiti bancari e privati". 
L'eurodeputata M5S attacca su altri due punti: "Il primo riguarda il fondo di partenza di 21 miliardi - dice - In realtà, andando a leggere bene, si scopre che l'Ue mette 16 miliardi. E di questi, 6 vengono prelevati da altri programmi, in particolare da Horizon. Altri 10 vanno trovati nelle more dei bilanci dei prossimi tre anni. Insomma, anche qui il cash latita". 
D'Amato attacca anche sul presunto scorporo degli investimenti dei singoli stati Ue dal Patto di stabilità: "Esentare dal tetto del 3 per cento i paesi che spendono per crescita e occupazione sarebbe una buona notizia - dice - Peccato però che gli stati che vorranno partecipare al fondo comune con proprie risorse dovranno farlo al buio, ossia senza poter decidere su quali progetti i propri soldi saranno investiti. In sostanza, i soldi dell'Italia potrebbero andare a una Tav in Spagna. E' chiaro che in queste condizioni, nessun paese metterà risorse sul fondo comune. Quindi, anche questo presunto scorporo è una farsa".   
"Il governo Renzi ha definito il piano Juncker un primo passo importante - conclude D'Amato - Parole che non mi stupiscono. Il vento nuovo che Renzi vede soffiare in Europa è lo stesso che soffia in Italia: false promesse, tanti spot e nulla più".   

 

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote