HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
FONDI UE, D'AMATO (M5S): FLESSIBILITA' UN BLUFF, PER REGIONI RESTA CAPPIO PATTO STABILITA'
mercoledì 14 gennaio 2015

da damato.media@gmail.com





  

"Sulla flessibilità non c'è stata alcuna vittoria. Lo scorporo del cofinanziamento dei fondi europei è ancora un miraggio: il cappio del patto di stabilità per le regioni italiani resta". Lo ha detto l'eurodeputata M5S, Rosa D'Amato, intervenendo oggi in Aula al Parlamento europeo a Strasburgo durante la presentazione del programma della presidenza lettone del Semestre Ue. Rivolgendosi alla presidente lettone Straujuma, l'eurodeputata ha detto: "Difficilmente potrete fare peggio di chi vi ha preceduti. Il governo italiano ha fatto tante promesse e usato belle parole ma non ha portato a casa nessun risultato concreto".
L'elenco dei fallimenti, secondo D'Amato, è lungo: "Il grande piano per gli investimenti è un bluff: poche risorse e nessuna concreta idea di sviluppo - ha attaccato - Il tanto atteso documento sulla flessibilità non ha risolto alcunché: le regioni, come avviene nel Sud Italia, non riescono a spendere i fondi Ue per via del cappio del patto di stabilità. Un cappio che non è stato tolto".  Per queste ragioni, D'Amato ha chiesto alla Presidenza lettone un impegno forte su questo tema: "Il cofinanziamento dei fondi Ue deve essere scomputato dal patto di stabilità".
D'Amato ha chiesto poi un impegno chiaro sul fronte ambientale: target più ambiziosi su clima e ambiente, la costruzione di un’economia più ‘verde’ ed efficiente dal punto di vista delle risorse e regole comuni per frenare la corsa al petrolio nel mar Mediterraneo: "E' stato fatto tanto a livello europeo per la pesca sostenibile - ha detto - ma se a inquinare e a distruggere il Mediterraneo sono le trivelle, l’Europa volge lo sguardo altrove. Un’ipocrisia che rischia di mettere in pericolo anche l’implementazione di importanti politiche, come la Strategia adriatico-ionica. Eppure - ha concluso - è proprio nell’Adriatico che la Croazia ha da poco dato l’ok a 10 concessioni per trivellare". 



Il video dell'intervento a Strasburgo






Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote