HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Peacelink: "Perché a scuola ricordiamo Alessandro Rebuzzi"
mercoledì 21 gennaio 2015

da Peacelink





Comunicato stampa del 21 gennaio 2015

Domani i ragazzi del liceo artistico incontreranno Aurelio Rebuzzi, il padre di Alessandro, il ragazzo che chiedeva “aria pulita”, e Alessandro Marescotti, presidente nazionale di Peacelink.

Domani 22 gennaio, Aurelio Rebuzzi incontrerà gli studenti del Liceo Artistico Lisippo durante la loro assemblea d’istituto che si svolgerà nella sede dell’istituto Enrico Fermi dalle 8.30 alle 10.30. Aurelio ha accettato volentieri l’invito del dirigente scolastico del Lisippo a raccontare quali fossero i pensieri, i sentimenti, le scelte del suo unico figlio, ammalato di fibrosi cistica e quindi con gravi problemi respiratori collegati anche all’inquinamento della città in cui era nato e morto a soli sedici anni nel settembre 2012.

Alessandro era chiamato il “guerriero buono” dagli amici per il suo coraggio nell’affrontare la malattia ed amava visceralmente Taranto e incitava i suoi coetanei all’impegno civile e cercava di sostenere altri adolescenti che avevano lo stesso male.

All’incontro parteciperà il prof. Alessandro Marescotti, presidente nazionale di Peacelink, che illustrerà i dati sull’inquinamento ambientale e sanitario di Taranto e le ricadute sull’economia locale.

Fulvia Gravame

Responsabile del nodo di Taranto per Peacelink


***********************************************************

A completamento del comunicato di Fulvia Gravame (rappresentante nodo PeaceLink Taranto) per l'incontro di domani presso la sede dell’istituto Enrico Fermi (Corso Italia 306 Taranto) dalle 8.30 alle 10.30 dedicato a ricordare il giovane Alessandro Rebuzzi, che è deceduto nel 2012, vi invio un ricordo di Alessandro.



17 febbraio 2012, sulla ringhiera

A febbraio del 2012 Alessandro si era arrampicato su una ringhiera davanti alla Procura di Taranto. Ritmava lo slogan: “Noi-vo-glia-mo-a-ria-puli-ta”.
Alessandro era lì a manifestare a sostegno dei magistrati con tanti ragazzi. Una folla aveva pacificamente accerchiato il tribunale perché cominciava il procedimento penale sull’inquinamento dell‘Ilva di Taranto.

Il suo non era solo uno slogan. Alessandro era affetto da fibrosi cistica, una malattia polmonare. Le persone affette da questa patologia di tipo infiammatorio sono predisposte a sviluppare, in seguito ad esposizione alle polveri sottili, un rilevante aggravamento. Fino a soffocare.

Alessandro giocava a pallone ma poteva stare solo in porta. Attendeva il giorno del suo trapianto polmonare. “Così potrò giocare all’attacco”, diceva. Ma all’attacco Alessandro già ci giocava nella vita. Era un trascinatore e a scuola incitava i suoi compagni all’impegno civile, a non voltarsi dall’altra parte e ad essere presenti con lui ovunque ci fosse un’iniziativa cittadina per l’ambiente e per la salute.

Quella lotta era diventata la sua vita. I suoi amici lo chiamavano “il guerriero”. Alessandro si era anche scontrato con alcuni insegnanti che non apprezzavano questo suo impegno. Lui era arrivato a rispondere: “Voi non avete capito cosa è veramente la vita”.

Alessandro dimostrava la maturità di un adulto, forse perché sentiva di essere vicino alla fine. Aveva deciso di non sprecare il suo tempo. Diceva che se Taranto avesse vinto la lotta contro l’inquinamento forse anche lui l’avrebbe vinta e probabilmente non sarebbe stato urgente il trapianto dei polmoni.

“Alessandro amava Taranto in maniera smisurata e, anche se i dottori avevano consigliato di cambiare città, lui aveva deciso di restare per dare il suo contributo”, mi spiega il papà Aurelio.

Cerco su Internet: ‘Alessandro Rebuzzi‘. E, come se aprissi uno scrigno segreto, mi imbatto nelle parole di una ragazza: “E’ come se ancora sentissi il suono della tua voce, della tua risata. La tua allegria coinvolgente che illuminava il mondo e dava un senso alla mia vita. A 15 anni cosa ti aspetti? Le delusioni d’amore, i 4 in matematica, il genitore che non ti fa uscire il sabato. Ma la morte? No… quella no. Perché? Perché le persone muoiono? Non ti ho mai detto ciao, non ti ho mai abbracciato come avrei voluto, non ti ho mai detto quanto ti amassi, e quanto avrei voluto vivere la mia vita, i miei successi, i miei fallimenti insieme a te”.

25 luglio 2012, l’ordinanza

Il 25 luglio del 2012 il Gip Patrizia Todisco dava l’ordine di spegnere gli impianti inquinanti dell’Ilva dichiarando che “la gestione del siderurgico di Taranto è sempre stata caratterizzata da una totale noncuranza dei gravissimi danni che il suo ciclo di lavorazione e produzione provoca all’ambiente e alla salute delle persone”.

Il Gip aveva letto la dettagliata perizia epidemiologica di tre consulenti – Annibale Biggeri, Maria Triassi e Francesco Forastiere – i quali concludevano: “L’esposizione agli inquinanti emessi ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi che si traducono in malattia o morte”.

Il Gip Patrizia Todisco in quell’ordinanza di sequestro preventivo degli impianti dell’area a caldo, scriveva: “Non un altro bambino, non un altro abitante di questa sfortunata città, non un altro lavoratore dell’Ilva, abbia ancora ad ammalarsi o a morire o ad essere comunque esposto a tali pericoli, a causa delle emissioni tossiche del siderurgico”.

In quei giorni sembrava imminente il fermo degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva. E Alessandro ci sperava.

2 settembre 2012, la morte

Ma in quegli stessi giorni si stava avvicinando alle settimane del suo calvario. Il 2 settembre i suoi polmoni avrebbero finito di respirare per sempre.

Il papà Aurelio mi racconta la storia di suo figlio come una corsa contro il tempo. Una storia illuminata dalla fiducia che Alessandro – figlio unico – infondeva ai suoi genitori. “Vedrete che ce la farò, non vi preoccupate”. Già all’età di 12 anni aveva scritto: “Chi butta la vita non è degno di essere ricordato”. Il signor Aurelio me le mostra e si commuove.

Alessandro aveva preso contatti con ragazzi e ragazze nelle sue condizioni e a tutti faceva coraggio.

Aurelio Rebuzzi racconta gli ultimi giorni: “Non farò il trapianto, sto morendo, disse qualche giorno prima di lasciarci”. Di fronte ho un papà straordinariamente comunicativo.

Mi dice che al prossimo incontro con gli studenti mi accompagnerà lui, “perché in me vive Alessandro”. E aggiunge: “Alessandro sarebbe venuto sicuramente all’incontro che farete con i ragazzi e quindi verrò io per lui. Adesso vado da Alessandro e glielo dico. Mi sento carico”. Aurelio ogni giorno va dal figlio e gli parla. Gli racconta quello che succede, il suo dolore e le sue speranze. “Sono andato a chiedergli scusa – racconta – per tutti i tarantini che non hanno votato al referendum sull’Ilva. E gli ho detto: non andando a votare ti hanno tradito”.

6 maggio 2013, il compleanno

Il 6 maggio 2013 è stato per i genitori il primo compleanno senza Alessandro e il signor Aurelio lo festeggia portando un regalo ad una ragazza che non sta bene. Come se a portarlo fosse Alessandro.

“L’unico stimolo che ho – mi racconta il signor Aurelio – è continuare il progetto di Alessandro”. Mi dà una fotografia del figlio e io gli prometto di scrivere questo articolo per il compleanno di Alessandro.

Lo ascolto commosso questo papà così fiero e determinato. Rimango in silenzio e lui mi dice: “Qui non c’è Aurelio Rebuzzi, qui c’è Alessandro Rebuzzi”.

 




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote