HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
D'AMATO (M5S) A UE: NAVI TRAGHETTO OBSOLETE NEL MEDITERRANEO, UE INTERVENGA
giovedì 22 gennaio 2015

da damato.media@gmail.com

 
Comunicato stampa
Bruxelles, 21 gennaio 2015

NORMAN ATLANTIC, D'AMATO (M5S) A UE: NAVI TRAGHETTO OBSOLETE NEL MEDITERRANEO, UE INTERVENGA

Il video dell'intervento al Parlamento: http://youtu.be/vSeu0UM5N7s

Più controlli sulle certificazioni delle navi traghetto italiane per migliorare la sicurezza nel Mediterraneo ed evitare così nuove tragedie come quella della Norman Atlantic. E' quanto ha chiesto l'eurodeputata M5S Rosa D'Amato nel corso del suo intervento alla commissione Trasporti del Parlamento europeo a Bruxelles. "C'è un documento confidenziale della Commissione europea che già cinque anni fa puntava il dito contro la flotta italiana, considerata obsoleta e rischiosa - dice D'Amato - Su 200 navi traghetto in servizio sulle rotte nazionali, ben il 45 per cento aveva più di 20 anni un lustro fa e la situazione da allora non è migliorata, anzi.  Molti di questi traghetti - continua l'europarlamentare - sono stati modificati e snaturati per essere funzionali alle nuove esigenze di trasporto. Ma così facendo sono diventati più vulnerabili, come il caso Norman Atlantic ha dimostrato".
Per tutte queste ragioni, ha proseguito D'Amato, "occorre che ci sia un controllo maggiore sulle certificazioni rilasciate dall'Italia come dagli altri stati membri dell'Ue".
Per quel che riguarda il mar Adriatico, ha sottolineato in chiusura l'eurodeputata, "il Parlamento sta attualmente lavorando sulla definizione della Strategia della Macro regione adriatico-ionica che per sua stessa natura ha un forte accento sui trasporti marittimi". In tal senso, "all'interno della rete TEN-T è necessario un corridoio che colleghi Ancona a Bari, corridoio che a oggi manca".

 



Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote