HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
L'Altra Puglia su legge elettorale regionale
lunedì 23 febbraio 2015

da altrapuglia@gmail.com





Legge elettorale regionale, soglie di sbarramento e parità di genere.

Un Partito Democratico aristocratico e arrogante conferma la scelta della democrazia elitaria e maschilista.

La discussione sulla modifica della legge elettorale regionale si avvia verso la conclusione, ma le indiscrezioni che trapelano non promettono nulla di buono.

Come per l'Italicum il Partito Democratico sembrerebbe aver scelto anche per la Puglia la strada della democrazia elitaria, attraverso un innalzamento della soglia di sbarramento a livelli accessibili solo a due o tre soggetti politici.

Se queste indiscrezioni dovessero trovare conferma in aula, anche il Consiglio regionale della Puglia diventerebbe un circolo riservato ad una ristretta aristocrazia politica, mentre una consistente parte della popolazione pugliese verrebbe condannata, questa volta per legge, a rimanere senza rappresentanza.

Ancora una volta il PD travisa il senso della semplificazione, che dovrebbe riguardare quantità e cavillosità delle normative, trasformandola in una inesorabile mannaia su quei pochi diritti che ancora restano ad una cittadinanza sempre più calpestata. Dopo averci tolto il diritto di voto per il Senato e per le Province. Dopo averci tolto il diritto di lavorare. Dopo averci tolto perfino il diritto di respirare, con i decreti Ilva e Sblocca Italia. Oggi intende toglierci il diritto di essere rappresentati nelle poche Istituzioni elettive rimaste. Istituzioni che con la regia del Partito Democratico stanno diventando sempre più antidemocratiche.

Così come sembra ispirato al caratteristico stile renziano anche quello che si sta architettando rispetto alla garanzia della parità di genere. Una totale farsa. Solo così si potrebbe definire, visto che anche se la parità dovesse entrare dalla porta, con il criterio del 50 e 50 nella composizione delle liste, uscirebbe comunque dalla finestra, con la preferenza unica invece della doppia preferenza di genere sulla scheda elettorale.

C'è tutta un'Altra Puglia, però, quella realmente democratica, che Renzi ed Emiliano sicuramente neanche conoscono, ma che saprà, al momento giusto, come presentare il conto per la loro aristocratica arroganza.

 

Bari, 23 febbraio 2015




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote