HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicato di Giancarlo Scalone (L'Altra Puglia) in merito alla notizia del suo arresto
giovedì 28 maggio 2015

da altrapuglia@gmail.com



 

 

Giancarlo Scalone:“sono vittima di una vigliaccata!”


È on-line la notizia del mio arresto per una vicenda relativa ad un furto di energia elettrica.

Dico chiaramente che non ho mai manomesso alcun contatore ne mi sono mai reso responsabile del furto che mi viene addebitato.

Questi i fatti: alle ore 11,00 circa della giornata di ieri sono stato chiamato da un cittadino extracomunitario, che stava lavorando presso un fondo di proprietà dei miei genitori, che mi avvisava della presenza in loco di Carabinieri che stavano effettuando dei controlli. Mi reco sul posto ed inizia la mia odissea.

Nonostante non fossi ne proprietario del fondo su cui insiste un autentico rudere disabitato da anni, né intestatario di alcun contratto di fornitura di energia elettrica con l'Enel, vengo sequestrato per cinque ore, arrestato, condotto presso la caserma di Fasano. Qui mi vengono scattate le foto segnaletiche e rilevate le impronte digitali. Solo grazie ad un PM illuminato, che ritiene non esserci esigenze cautelari, vengo rimesso in libertà alle ore 17,00.

Oggi il "mostro" viene sbattuto in prima pagina ed esposto al pubblico ludibrio. Quello che posso confermare è: di non aver mai manomesso il contatore in questione, anche perché l'energia elettrica che veniva consumata in quel rudere abbandonato poteva ammontare a pochi euro l'anno (nonostante negli articoli si parli di una somma 4.500,00 euro nel triennio 2012-2015); di non essere né proprietario del fondo né intestatario del contratto con l'Enel; di non avere alcun motivo per utilizzare l'energia elettrica di detto immobile e che nulla può mai ricondurmi al reato contestatomi.

Domani terrò una conferenza stampa a cui parteciperanno il Candidato Presidente Riccardo Rossi e l'avv. Salvatore De Stradis nella quale saremo a disposizione di chiunque vorrà avere chiarimenti su questa vicenda.

 

28 maggio 2015

Giancarlo Scalone

candidato al Consiglio regionale

L’Altra Puglia




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote