HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni Movimento 5 Stelle
giovedì 24 settembre 2015

- MeetUp Pulsano: gestione animali e costruzione canile
- De Lorenzis: Utilizzo esplosivo per adeguamento SS 96
- L'Abbate: Agricoltura, emergenza alveari
- Scagliusi: Consiglio di Stato condanna Posteshop




***************
da giuseppe.mastronuzzi@gmail.com

Meetup Pulsano 5 Stelle: Il Comune di Pulsano abbia maggiore cura di cittadini a quattro zampe

È del 20 settembre 2015, l'iniziativa del Meetup Pulsano 5 Stelle, di protocollare un'istanza avente ad oggetto la Gestione degli animali di affezione e la costruzione del canile/rifugio sanitario.

Scopo dell iniziativa è prioritariamente quello di denunciare la mancanza sul territorio di Pulsano di un canile/rifugio sanitario, nonostante la Legge Regionale 12/95, più volte modificata e integrata -da ultimo con D.G.R. 32/2015- obblighi ormai specificamente gli Enti Territoriali a dotarsi delle predette strutture idonee ad ospitare un numero limitato di randagi da tenere in osservazione appena accalappiati e per alcuni giorni.

Si è sentita pertanto l'esigenza di sollecitare l'Ente Civico ad attivarsi nel più breve tempo possibile, considerata la mancanza di una struttura che possa essere adibita a tale scopo, nella ricerca di un lotto di terreno idoneo alla sua edificazione.

Con l'occasione si è anche chiesto di conoscere precisamente il numero di cani già ospitati presso i canili presenti nella Provincia ed accalappiati sul territorio pulsanese, con relativa dettagliata indicazione delle date di ingresso ed uscita dei randagi dai rifugi, al fine di verificare se siano stati eventualmente illegittimamente elargiti e riscossi contributi.

Si è richiesto inoltre, di conoscere sia il numero dei cani identificati e registrati all'anagrafe canina negli ultimi 3 anni, per poter valutare se successivamente all' entrata in vigore della Legge Regionale 26/06 (Art. 2 modificativo della Legge Regionale 12/95) si siano registrati risultati con riferimento alla lotta al fenomeno randagismo nel nostro territorio.

Altra informazione oggetto della richiesta è quella inerente l'eventuale dotazione della Polizia Municipale del lettore dei microchip e, nel caso, quante rilevazioni siano state effettuate col predetto congegno.

Si è chiesto altresì, di conoscere le motivazioni che hanno portato il Comune di Pulsano a liquidare , con Determina n°149, €4054,67 ad un canile privato convenzionato considerato il divieto espressamente previsto dagli art. 44-45 della L.R. 4/2010 di ricovero, appunto, in strutture private convenzionate.

Da ultimo, il Meetup Pulsano 5 Stelle ha inoltrato richiesta per estrarre copia dell'autorizzazione all'attendamento rilasciata dal Comune di Pulsano al Circo Orfei nel periodo compreso tra il 20 ed il 30 Agosto 2015, per verificare la sussistenza di tutti i requisiti indicati dalla Commissione CITES di cui all’articolo 4, comma 2, Legge 150/92 e s.m.i., che dettano regole analitiche e minuziose sul benessere psico-fisico degli animali.

Per concludere si rende noto che, il Meetup Pulsano 6 Stelle, sarà presente con il proprio gazebo informativo Domenica 4 Ottobre 2015, in Piazza Castello, dalle ore 09:00 alle 13:00, per portare la cittadinanza a conoscenza della normativa sul randagismo, l'abbandono degli animali e la loro cura e, al contempo, provvederà a raccogliere donazioni di alimenti per cani e gatti, che cittadini generosi vorranno offrire, da destinare ai randagi attraverso le associazioni interessate della cura degli stessi sul territorio di Pulsano.





***************

da Giovanni Vianello
Collaboratore del cittadino portavoce Diego De Lorenzis
Gruppo parlamentare MoVimento 5 Stelle


S.S. 96, M5S: “perplessità sull’utilizzo dell’esplosivo per l’adeguamento stradale”.

Depositata interrogazione parlamentare ai Ministri Delrio e Galletti.

Il M5S deposita una interrogazione parlamentare ai Ministri dei Trasporti e Ambiente per far luce sulla costruzione della strada statale 96, tratto di strada che unisce Bari a Matera, nel tratto che passa da Palo del Colle. Il problema nasce dalle modalità di costruzione della strada per cui la società proponente vorrebbe utilizzare dell’esplosivo per l’adeguamento stradale al fine di velocizzare i lavori. Forti perplessità da parte dei pentastellati che interrogano i Ministri con un atto a prima firma di Diego De Lorenzis della commissione Trasporti della Caamera dei Deputati.

“Si tratta” - dichiarano i portavoce del M5S Diego De Lorenzis, Viviana Guarini, Rosa Barone e Mario Conca - “dell'utilizzo di 50.000 chilogrammi di esplosivo, di 40.000 metri lineari di miccia detonante e di 5.000 detonatori, con un impatto rilevante sul territorio che la «società Cooperativa Costruzioni», ai sensi dell'articolo 104 del regolamento, vorrebbe utilizzare e per farlo ha avanzato la richiesta di emissione del certificato all’autorità di Pubblica Sicurezza, il sindaco di Palo del Colle, D'altra parte ne il sindaco ne il consiglio comunale di Palo del Colle hanno mai ricevuto dai proponenti attraverso la documentazione della progettazione e tramite le conferenze dei servizi, notizie sull’utilizzo dell’esplosivo che sembrerebbe non esser stato vagliato neanche dalla procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale per cui sono legittime le perplessità da parte del comune di Palo del Colle. “

“Il tracciato” - evidenziano i portavoce pugliesi del M5S - “oltre a passare vicinissimo ai prefrabbricati della zona industriale di Palo del Colle, per cui sembra insensato utilizzare esplosivo in questa area, attraversa un territorio con molti vincoli ambientali e paesaggistici e quindi al Ministro Galletti si chiede di esplicitare se l’utilizzo di esplosivo debba essere sottoposto all’interno della procedura di VIA.”

“L'area è soggetta” - aggiungono i portavoce pentastellati - “ alla «Dichiarazione di notevole interesse pubblico del territorio delle Lame ad ovest e a sudest di Bari», in quanto riveste notevole interesse perché è caratterizzato dalla presenza di gravine e lame che, con diverse dimensioni e rivestono particolare interesse sotto il profilo paesistico e naturalistico per la presenza anche dell’habitat naturale e dell'ecosistema ancora sufficientemente integri. Inoltre l'intervento di adeguamento stradale e realizzazione dello svincolo con la strada provinciale 44 (svincolo 2) intercetta una strada a valenza paesaggistica ed inoltre alcuni adeguamenti della viabilità urbana interessano testimonianze della stratificazione insediativa, e precisamente la Chiesa Madonna di fuso e la Chiesa Madonna delle Grazie. L'area interessata dalla realizzazione dello svincolo strada provinciale 44 interessa un'area a macchia ed inoltre l'area interessata dalla realizzazione dello svincolo strada provinciale 44 (svincolo 2) interessa l'area di rispetto del bosco ovvero della macchia.”

“A fronte di queste ed altre peculiarità territoriali - concludono i portavoce De Lorenzis, Guarini, Barone e Conca - “il M5S chiede anche ai Ministri Delrio e Galletti se siano a conoscenza della vicenda e quali iniziative intendano promuovere al fine di garantire che la costruzione e l’adeguamento stradale avvengano con procedure che non rechino, anche teoricamente, danno all'area. In particolare si chiede al Ministro Delrio se vi sono rischi di perdere i finanziamenti per la costruzione dell'opera e in quali termini e tempi ed infine se ci sia la copertura economica di tutte le opere da realizzare e, in particolare, per la demolizione, a fine lavori, dei rilevati e viadotti attuali, come richiesto in conferenza di servizi.“

***************

da
Valerio L'Abbate

Assistente Deputato Giuseppe L'Abbate

342.8632827

AGRICOLTURA: L’EMERGENZA ALVEARI RISCHIA DI COLPIRE ANCHE PUGLIA E BASILICATA

Il M5S chiede ai ministri Martina, Lorenzin e Padoan un immediato intervento dato che le misure attuate in Calabria non hanno raggiunto l’obiettivo di arginare il fenomeno. A rischio un intero settore economico in tutto il Sud Italia

Se in Calabria continuano i roghi a tappeto delle arnie, l’apicoltura pugliese e lucana non sono certamente fuori pericolo. È sempre più necessario pianificare i controlli, affiancando all’unità di crisi del Ministero della Salute le necessarie competenze entomologiche, agronomiche ed apistiche in modo da coordinare un piano di monitoraggio e contenimento fino ad oggi assente. È questo, in sintesi, il contenuto dell’interrogazione parlamentare sull’infezione degli alveari nel Sud Italia depositata dai deputati 5 Stelle della Commissione Agricoltura e rivolta ai ministri Maurizio Martina (Agricoltura), Beatrice Lorenzin (Salute) e Pier Carlo Padoan (Economia E Finanze).

“Le Regioni Calabria e Sicilia, insieme ai Ministeri dell’Agricoltura e della Salute si stanno dimostrando incapaci di arginare il fenomeno aethina tumida che si sta espandendo in aree più vaste, infestando le arnie degli apicoltori e mettendo in serio pericolo l’apicoltura italiana – commenta il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera – Il nuovo focolaio scoperto a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria, e la confermata presenza dell’insetto nelle arnie calabresi, sta instaurando un regime di paura e terrore tra gli apicoltori. Le contromisure adottate dal ministro della Salute e dalla Regione Calabria – continua il parlamentare 5 Stelle – si sono rivelate errate: i roghi senza un adeguato indennizzo agli apicoltori hanno provocato il silenzio degli operatori del settore. Così, per non subire danni economici, nessuno ha denunciato alle autorità la presenza del coleottero aethina tumida e ciò non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Bisogna intervenire subito – conclude L’Abbate (M5S) – per evitare che l’apicoltura nel nostro Paese venga ulteriormente danneggiata dalla presenza di questo insetto e che anche Basilicata e Puglia divengano, dopo la Calabria, le nuove vittime designate. Sostenere l’apicoltura, del resto, vuol dire sostenere un importante settore per lo sviluppo economico e la biodiversità del nostro Paese”.

***************

da Vito Galluzzi
Assistente Parlamentare del Deputato Scagliusi Emanuele
mob +39.3428636374
e-mail vito.galluzzi@camera.it







Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote