HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
"Il rispetto parte dal linguaggio"

venerdì 4 marzo 2016

da verdicittataranto@gmail.com

 

 


Resto sconcertata dalla parole utilizzate su Facebook da parte di Vincenzo Conte, il quale nell'evento organizzato per il 6 marzo " la ragione di Una scelta" ad una mia critica politica: "Conte non rappresenta i Verdi, " risponde "Vai a lavare i piatti". Se Conte vuole militare in un Partito come questo dal fondamento ecologista e che difende i diritti civili dovrebbe imparare a rispettare il genere femminile e a rapportarsi con termini adeguati. È' assolutamente vergognoso il modo becero col quale ha osato rispondere ad una donna. Sono ancora più convinta che lo stesso dopo il colpo basso alla nostra battaglia e le affermazioni pubbliche rivoltemi, debba rivedere non solo la sua posizione nei Verdi, ma ancor di più come uomo. Rispondere con affermazioni sessiste e classiste ad una critica politica mi spinge a ripetere ancora "Vincenzo Conte non rappresenti i Verdi!"

Vorrei capire come reagirebbe se queste stesse affermazioni fossero rivolte a sua figlia Arianna, che in questi mesi si sta lanciando nel mondo politico anche se, come suo padre, in modo scomposto e incoerente. Sono sempre più convinta che il mondo si inizia a cambiare dal linguaggio, così come anche la lotta alla violenza di genere si fa cambiando le parole e lo stile. Il percorso è lungo e difficile, ma credevo che certi ambienti fossero ormai scevri da ogni tipo di stereotipo e di discriminazione sociale. Inoltre queste parole pronunciate da una persona che ha nel suo passato politico una militanza a sinistra mi fa dubitare ancora una volta che le tessere e le militanze corrispondono alle ideologie e alla cultura. Vorrei inoltre ricordare che nei Verdi, unico partito in Italia, le cariche sono ricoperte da una donna e da un uomo, così come accade nei paesi del Nord Europa, dove la parità di genere è esercitata a tutti i livellli. Inoltre come annunciato proprio ieri sul social, rispondo in modo ironico al signor Conte: "Ho la lavastoviglie", così come mia madre che già negli anni '70 ne aveva una, in più sono una donna laureata, professionista e in procinto di lanciare un'attività come imprenditrice, attiva nell'associazionismo e soprattutto madre di due figlie. Per questo motivo non ho assolutamente voluto lasciare cadere nel dimenticatoio tali affermazioni, poiché la cultura di genere si costruisce passo dopo passo!

 

.Associazione cittadina dei Verdi di Taranto

Ada Le Noci




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote