HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
LEGGE BLASI, COR: ECCO PERCHE' ABBIAMO VOTATO CONTRO
mercoledì 9 marzo 2016

LEGGE BLASI, COR: ABBIAMO VOTATO CONTRO PERCHE' NON ERA A TUTELA, MA CONTRA PERSONAM

da grupporegionalecorpuglia@gmail.com




Così i due consiglieri regionali, Francesco Ventola e Renato Perrini, motivano il loro no alla proposta di Legge Blasi non approvata oggi in Commissione Agricoltura.

Più che una legge a tutela delle aree colpite da Xylella quella proposta dal consigliere del Pd, Sergio Blasi, è una legge "contra personam".

E’ stata bocciata oggi in Commissione Agricoltura, ma semmai dovesse essere approvata in Consiglio regionale si fa passare il principio punitivo nei confronti dei terreni colpiti dal batterio, mentre si favoriscono i terreni che fortunatamente non solo sono stati. Su questi ultimi , quindi, è possibile concedere una variante urbanistica, mentre su quelli infetti viene imposto un vincolo di assoluta trasformazione non inferiore a sette anni. Insomma si penalizzano due volte i proprietari incolpevoli: la prima perché il loro uliveto è stato o dovrebbe essere eradicato e, poi, perché su quel terreno la Regione stabilisce un’ulteriore penalizzazione.

Una proposta legge che, per altro, per indeterminatezza di suoli interessati e di tempo nel quale far valere il blocco è un non senso in partenza, tenuto conto che la Regione Puglia è una delle poche regioni italiane a essere dotata di un Piano Paesaggistico Regionale che già prevede notevoli tutele del territorio e quindi sarebbe potuta entrare facilmente in contrasto.

Va detto, infine, che la legge Blasi partiva da un presupposto sbagliato nei confronti dei sindaci, che rispediamo al mittente: è come affermare che bisogna mettere i sindaci “sotto tutela” perché potrebbero concedere facilmente le varianti urbanistiche, sotto non si capisce bene quali “pressioni”. Fermo restando che vige il principio della buona fede è bene ricordare che le varianti urbanistiche non sono provvedimenti che il sindaco o una maggioranza prende in solitudine. Per questo motivo avevamo chiesto proprio l’audizione dei Sindaci in Commissione per sentire il loro parere rispetto a questa proposta di legge.

L’audizione non c’è stata, ma neppure il voto. La proposta Blasi è stata bocciata e non è passata in Commissione non solo con il voto di tutta la minoranza, ma anche con quello di un esponente della maggioranza a conferma delle nostre tesi.

Prendiamo atto politicamente che il Governo regionale e il centrosinistra alla Regione Puglia non sono sempre sulla stessa sintonia. Non è la prima volta che in Commissione la maggioranza si trova senza numeri, tant’è che oggi l’ex segretario regionale del Pd, Blasi, ha pubblicamente ammesso di non riconoscersi più nella maggioranza e ha aperto una riflessione sulla sua disponibilità a sostenere la stessa.

Bari, 9 marzo 2016


i consiglieri regionali CoR, Francesco Ventola (a sinistra) e Renato Perrini

--

Info
Mariateresa D’Arenzo
tel 338/2447026





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote