HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
La farsa della nomina degli scrutatori a San Giorgio Jonico
sabato 26 marzo 2016

da "altamura.monica@pec.it"
Meet Up M5S San Giorgio Jonico

Oggi 24 Marzo 2016 crediamo si sia scavato definitivamente un grosso solco fra ciò che è la politica tradizionale e quella che sarà la politica del futuro. Oggi le istituzioni locali hanno ben capito che a San Giorgio Jonico non si scherza più, ormai qui è in atto un cambiamento; i cittadini non saranno mai più coloro che silenti aspetteranno che dall’alto piovano decisioni e con esse soprusi, negligenze e falsità, ma persone attive che non accetteranno in nessun’altra occasione prevaricazioni, sopraffazioni di potere, malversazioni e “piacerini” agli amici degli amici, in nome della vecchia e subdola politica di scambio di favori.

Alle ore 11.30 noi del “Meetup di San Giorgio Jonico”, ci siamo recati in Municipio per assistere alla nomina degli scrutatori per la consultazione referendaria del 17 Aprile.

Per inciso, tale nomina è disciplinata dalla legge n. 22 del 27 gennaio 2006, legge che ha subìto vari cambiamenti, infatti mentre in passato, avveniva tramite sorteggio casuale, oggi è improntata su una gestione partitico-clientelare, ovvero di chiamata diretta e proporzionale alle forze politiche, in perfetta linea “PORCELLUM”.

Nei giorni passati però abbiamo potuto osservare lo show da parte di tutti i politici locali, che a gran voce annunciavano la loro lontananza da questo modo di fare politica invocando sorteggi e trasparenza, ciò che invece nella realtà è accaduto è la solita presa per i fondelli e la solita farsa che ormai ci ha davvero stancati.

È accaduto infatti che i consiglieri comunali, membri della commissione elettorale, hanno (come ci aspettavamo) deciso le nomine degli scrutatori, nelle loro segrete stanze, sussurrando e nascondendosi dietro gli archivi dell’ ufficio anagrafe, e la tanto spiattellata trasparenza si è trasformata in nomine ad personam e ad partitum.

La nostra indignazione, alla vista di tale comportamento, non ha tardato dall’essere manifestata, ma alla nostra reazione (probabilmente inaspettata) i vari consiglieri vistisi scoperti hanno iniziato ad ammiccare fra loro, cercando in tutte le maniere di far apparire tutto il più trasparente possibile.

Il teatrino è stato davvero tragicomico. Il sindaco, in qualità di Presidente della commissione, dopo essersi accordato con il resto della commissione e rispettando i perfetti cliché dei film di defilippiana memoria, ha letto frettolosamente i nomi dei prescelti, casualmente già messi in ordine alfabetico, chiedendo a tutti se ci fossero obiezioni, inutile a dirsi, inesistenti, e si è proceduto alla firma del verbale (fra gli applausi ironici del pubblico).
Non sorprende in questo circo politico che la consigliera Silvana De Marco, abbia sentito la necessità di ricordare ai presenti che ci si stesse appellando a una pura formalità, perché è questo che è la trasparenza per l’opposizione, una pura formalità.
Per Angelo Tomaselli invece, la trasparenza, sembra essere solo una delle tante promesse, perché dopo averla predicata e richiesta in pubblica piazza e su tutti i mezzi stampa, al momento di pretenderla non si è neanche presentato in comune.

Oggi abbiamo avuto un’ennesima conferma che, i consiglieri usano fare attività politica esclusivamente a mezzo stampa, ma al momento d’essere presenti e dimostrare ciò che dichiarano, si rendono sempre latitanti.

Siamo comunque soddisfatti di aver dimostrato ancora una volta cosa significhi essere dei cittadini preparati che controllano l’operato dei nostri amministratori e che facciano fiato sul collo per il bene della collettività. Pretendiamo a gran voce le scuse pubbliche a tutta la cittadinanza sangiorgese per il comportamento irrispettoso e vergognoso messo in atto ancora, sottolineando che si è persa un'altra buona occasione per dimostrare a tutti che la politica può essere fatta in maniera pulita e sincera.

Infine rivolgiamo un appello ai cittadini, invitandoli ad una maggiore partecipazione così da rendersi conto con i propri occhi di quanto siano squallidi i meccanismi ormai radicati nel tessuto politico locale.




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote