HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni Conservatori e Riformisti Puglia

martedì 24 maggio 2016

- MALTEMPO, FITTO: "L'EUROPA DEI BUROCRATI SIA FLESSIBILE ANCHE CON L'AGRICOLTURA PUGLIESE"
- SANITASERVICE, COR: "UNA NOMINA CHE PUZZA DI POLITICA"
- ZULLO: EQUITALIA VA RIFORMATA E "UMANIZZATA", NON ABOLITA


da grupporegionalecorpuglia@gmail.com





Eccezionale ondata di maltempo, Fitto: “L’Europa dei burocrati sia flessibile anche con l’Agricoltura pugliese”

Il leader dei Conservatori e Riformisti, Raffaele Fitto, ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea perché si attivi nello sblocco delle risorse a favore delle aziende agricole danneggiate

 

 

Questa volta non c’è tempo da perdere, l’Europa dei burocrati dimostri di essere sensibile e attenta alle esigenze dell’Agricoltura italiana, in modo particolare a quella pugliese colpita venerdì 20 maggio da una eccezionale ondata di maltempo che ha compromesso la raccolta della frutta di stagione, prime fra tutte le ciliegie e le albicocche. Raccolti e stagione compromessi, ma anche strutture agricole danneggiate dalla violenta grandinata che devono essere immediatamente ripristinate.

Per questo motivo ho presentato un’interrogazione alla Commissione europea perché attivi tempestivamente le misure previste dall’art. 18 del Regolamento comunitario n.1305 del 2013 ("Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione"). La Commissione europea una volta preso atto dei danni quantificati dal Governo italiano autorizzi subito lo stesso a impegnare una parte delle risorse del PSR a favore delle aziende agricole colpite.

 

 

*********************************************************

 

SANITASERVICE DI LECCE, COR: “UNA NOMINA CHE PUZZA DI POLITICA LONTANO UN MIGLIO”

Così il gruppo dei Conservatori e Riformisti (Ignazio Zullo, Erio Congedo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco ventola) commentano la nomina del nuovo manager alla guida della società in house

 

La poltrona di manager della Sanitaservice di Lecce era vacante da mesi, precisamente dall’inizio dell’anno, nonostante ci fossero questioni davvero urgenti, prima fra tutte quella del Servizio Cup che richiedeva e richiede una pronta soluzione.  Ieri il direttore generale della Asl Silvana Melli ha provveduto scegliendo fra 19 aspiranti alla carica il commercialista Gabriele Onorato da Nardò.

Ora senza entrare nel merito delle competenze e titoli, perché non sono in discussine le competenze del professionista,  appare fin troppo chiaro che ancora una volta si sono piegati gli interessi della Sanità al volere politico: a Nardò anche le pietre sanno che Onorato gravita nell’entourage del  candidato sindaco Marcello Risi del Partito democratico e legato al presidente della Regione Michele Emiliano.

Per questo a meno di due settimane dal voto di Nardò questa nomina “puzza” di ricompensa politica per lo sforzo sostenuto dal commercialista a favore del candidato sindaco del Pd. Quindi,  anche solo per opportunità l’assessore regionale alla Sanità, sempre Emiliano, avrebbe dovuto invitare il suo direttore generale a evitare che alla guida di una società in house fosse nominato un manager troppo schierato politicamente e in campagna elettorale.

 

*********************************************************

 

EQUITALIA, ZULLO: “RENZI VUOLE ABOLIRLA SOLO PER SPOT ELETTORALE, INVECE, ANDREBBE RIFORMATA E ‘UMANIZZATA’”

Dichiarazione del presidente del gruppo dei Conservatori e Riformisti, Ignazio Zullo

 

In Italia la parola Equitalia è diventata una bestemmia, il male dei mali. Per questo il nostro bravo comunicatore e premier Renzi ha fatto la più grande delle promesse elettorali: abolirò Equitalia entro il 2018. Una facile propaganda per raccogliere quel voto di pancia di tanti disperati che hanno la sfortuna di ritrovarsi a che fare con chi deve recuperare crediti per conto dell’Agenzia delle Entrate.

 

Ora chi immagina che abolendo Equitalia scompaia un qualsiasi ente di riscossione delle tasse dovute e non pagate è chiaramente un illuso. Non sarà Equitalia, si chiamerà in modo diverso, ma un’agenzia che svolga queste funzioni  è fin troppo scontato. Anche perché il principio che tutti devono pagare le giuste tasse è sacrosanto e quindi che ci sia un ente che ti “insegue” per i mancati pagamenti è pure giusto che ci sia!

 

E allora non si tratta di abolire o meno Equitalia, si tratta di cambiare le regole e far in modo che non sia un’agenzia di riscossione non contro i cittadini già vessati da troppe tasse e spesso non in condizioni oggettive per pagarle tutte per un’infinità di motivi che non possono essere ignorati. Quindi un’Equitalia attenta alle varie situazioni, ma che soprattutto che non strozzi i cittadini con tassi che a volte appaiono più usurai che legittimi. Con interessi che arrivano nel corso degli anni anche a superare la sorte capitale iniziale. Un’agenzia che così facendo spesso più che recuperare crediti finisce per far fallire aziende e quindi produce danni sociali non indifferenti.

 

Quindi, se Renzi volesse davvero governare e non fare spot elettorali dovrebbe puntare a rivedere e riformare Equitalia non abolirla tour court.

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote