HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Da Sergio Blasi - Consigliere Regionale PD Puglia
giovedì 28 luglio 2016

- Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese
- Multe a Lecce


blasi.ufficiostampa@gmail.com


Un’ottima notizia per il sistema turistico pugliese è arrivata ieri da Roma, con la firma del protocollo d’intesa tra il Governo e la Regione Puglia relativo alla realizzazione della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese. Un passo avanti significativo verso il modello turistico sostenibile che la Puglia e il Salento meritano. Va dato atto a Salvatore Capone di aver creduto in questo progetto e di aver lavorato perché la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese, inserita nel sistema delle ciclovie turistiche nazionali trovasse il necessario finanziamento nella legge di stabilità 2016. Così come va dato atto dell’ottimo lavoro svolto dall’assessore regionale Nunziante che ha portato alla firma del protocollo con i ministri Franceschini e Delrio. Ora la cantierizzazione dei lavori e la veloce entrata in funzione, perché sul tema della sostenibilità del turismo in Puglia non abbiamo tempo da perdere.

Il cicloturismo è una delle modalità sostenibili di fruizione del territorio che presenta maggiori margini di crescita, in termini di numeri e di indotto economico. La sfida, per il sistema turistico pugliese, è tirare fuori queste esperienze dalla “nicchia” e renderle popolari e integrate nell’immagine di una Puglia che è molto più che mare e discoteca. Mi auguro che la bella giornata di ieri sia solo la prima di un percorso che ci porterà fuori dalla confusione e verso un modello avanzato e sostenibile di sviluppo turistico.


***************


Oggi apprendiamo dalle statistiche che Lecce è al terzo posto in Italia per quantità di multe pagate da ogni automobilista nei primi sei mesi del 2016. Questo non succede perché chi guida a Lecce è più indisciplinato di altri, ma perché c’è una precisa strategia: quella di fare cassa utilizzando questa leva.

Migliaia di leccesi, ad esempio, vengono multati illegittimamente a causa del grattino scaduto da qualche minuto. Il Comune è a conoscenza dell’illegittimità di quelle sanzioni, ma confida nel fatto che il ricorso ha un costo sostanzialmente pari alla multa e tanti preferiscono pagare. Questo genere di comportamento è un grave sintomo di freddezza e di determinazione nel non voler risolvere i problemi, semplicemente perché così fa comodo.

Dall’altro lato ci sono i 10 milioni e mezzo di multe inseriti nel bilancio di previsione del 2016, il che conferma che nei secondi sei mesi di quest’anno il centrodestra, per far quadrare i conti, non si appresta certo ad alleggerire la pressione sugli automobilisti.

Questi numeri sono la risposta a chi si chiede perché Lecce è una città lasciata in balia del traffico. È perché quella confusione, e le multe che ne conseguono, significano denaro sonante nelle casse del Comune.

Io penso invece che il Comune dovrebbe essere amico degli automobilisti e della città, cercando di risolvere le cause dei comportamenti sanzionabili. Il Comune, oltre a ridurre al minimo l’utilizzo dell’automobile offrendo l’alternativa di un trasporto pubblico efficiente, deve consentire il rispetto delle regole, e non speculare sulle difficoltà di chi si muove in auto.

--


Sergio Blasi
Consigliere regionale Pd in Puglia




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote