HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni Movimento 5 Stelle
sabato 29 ottobre 2016

- L'Abbate: Equitalia, riforma gattopardesca
- De Lorenzis: AutoritĂ  Portuale, Nomina Prete assurda
- Meetup Pulsano: sopralluogo Marina di Pulsano







da Valerio L'Abbate
Assistente Deputato Giuseppe L’Abbate
valerio.labbate@camera.it
www.giuseppelabbate.it
342.8632827


EQUITALIA: IL DL FISCALE APPRODA A MONTECITORIO MA LA RIFORMA APPARE GATTOPARDESCA

Nel luglio 2014 la maggioranza bocciò la proposta di abolizione di Equitalia dei 5 Stelle, mercoledì si inizia a discutere la rottamazione renziana ma per il deputato pugliese L’Abbate (M5S): “Tutto cambia per non cambiare niente”
Approderà nell’aula di Montecitorio nel pomeriggio di mercoledì 2 novembre l’atteso “Dl fiscale” con cui il premier Matteo Renzi ha annunciato la rottamazione di Equitalia. Il testo prevede lo scioglimento della società di riscossione dal 1° luglio 2017 e il divieto immediato di nuove assunzioni. Successivamente le sue funzioni saranno ri-attribuite all’Agenzia delle Entrate (già titolare, in realtà, della potestà di riscossione) che le svolgerà attraverso il nuovo ente pubblico economico, appositamente creato, denominato “Agenzia delle Entrate – Riscossione”, posto sotto la dipendenza del Ministero dell’Economia ed il “monitoraggio” della stessa Agenzia, il cui direttore sarà anche presidente.
Restano gli aggi di riscossione, come gli interessi di mora mentre l’intero personale di Equitalia con contratto a tempo indeterminato si trasferirà presso il nuovo ente, previa valutazione dell’idoneità e competenze professionali (quindi senza un concorso pubblico). La procedura di riscossione, infine, preserverà il suo carattere coattivo che verrà persino rafforzato con l’implementazione delle banche dati in possesso dell’Agenzia delle Entrate.
“In definitiva, tutto cambia per non cambiare nulla! – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate (M5S) – La conferma è data dalla previsione che gli Enti locali (per i quali da anni si proroga il termine di durata del rapporto con Equitalia al fine di spingerli verso forme di riscossione interna) potranno, terminato il rapporto con Equitalia, rivolgersi al nuovo ente per la riscossione delle proprie entrate. Sarebbe stato auspicabile, infatti, come da tempo sosteniamo, l’attribuzione della funzione della riscossione direttamente all’Agenzia delle Entrate e non all’ennesimo soggetto ‘terzo’, sottoposto al controllo e monitoraggio dell’agenzia. Bastava costituire un dipartimento interno, nell’ottica di miglioramento della qualità e della certezza del rapporto con il contribuente – continua L’Abbate (M5S) – nonché per il perseguimento di una imprescindibile esigenza di riduzione dei costi della riscossione a carico del contribuente, bilanciato da un potenziamento delle misure volte al risanamento del debito e, quindi, a favorire il pagamento. In questo modo, sarebbe stato il maggior gettito conseguibile da una riscossione più ‘umana’ (e meno coattiva) a compensare i maggiori costi di riscossione. E non viceversa. Infine – conclude il deputato pugliese 5 Stelle – l’internalizzazione della riscossione consentirebbe anche uno snellimento ed una semplificazione delle procedure stesse di riscossione e, in particolare, l’anticipazione delle misure in materia di dilazione del debito già alle prime fasi dell’accertamento e verifiche. Proposte che proporremo nell’Aula di Montecitorio dove, il 10 luglio 2014, con una singola votazione soltanto la maggioranza del Partito Democratico affossò definitivamente la nostra proposta di legge per la soppressione ed il superamento di Equitalia e delle storture di questo modo di effettuare la riscossione”.


***************

da Giovanni Vianello
Collaboratore del cittadino portavoce Diego De Lorenzis
Gruppo parlamentare MoVimento 5 Stelle
mail: giovanni.vianello@camera.it







***************

da Giuseppe Mastronuzzi
giuseppe.mastronuzzi@gmail.com

Il Meetup Pulsano, dopo aver visitato la zona nord di Pulsano, ha effettuato su richiesta dei cittadini un sopralluogo in alcuni viali della Marina di Pulsano.

I cittadini hanno segnalato la carenza degli impianti di pubblica illuminazione in diverse zone della Marina: Viale dell'Usignolo, Viale della Malvasia, Viale dei Datteri, Viale del Serrone – tratto compreso tra la S.P. 121 Pulsano Bosco Caggione e Viale del Melograno ed in Viale Monteparasco nel tratto compreso tra la S.P. 121 Pulsano – Bosco Caggione e Via Antonio De Curtis.

In Viale dell'Usignolo, inoltre, un palo della corrente elettrica in cemento armato ostacola il regolare transito delle autovetture, specie nel periodo estivo, in quanto posto a ridosso della carreggiata.

La preoccupazione dei cittadini è dovuta al fatto che l’assenza di illuminazione pubblica rende agevole il compimento di furti all’interno delle private abitazioni, facilitando la fuga indisturbata dei topi d'appartamento.

Giova ricordare che la giurisprudenza ha confermato e ribadito che “il servizio di illuminazione delle strade comunali ha carattere di servizio pubblico locale” attraverso la sentenza n. 8231/2010 del Consiglio di Stato.

Da quanto verificato il Comune di Pulsano pare essere sprovvisto del PRIC, strumento di programmazione che va redatto a cura delle amministrazioni comunali per caratterizzare e controllare gli impianti esistenti sul proprio territorio. Tutte le amministrazioni comunali devono redigere un PRIC per censire la consistenza e lo stato di manutenzione degli impianti che compongono l’insieme del sistema di illuminazione pubblica del proprio territorio di competenza, al fine di prevederne e disciplinarne le modalità di intervento, sia per realizzare nuove installazioni sia per adeguare o sostituire gli impianti già esistenti. Tale materia è stata normata a livello regionale dalla Legge 15/2005 e dal successivo regolamento n° 13/2006.

Abbiamo, pertanto, richiesto all'Amministrazione Comunale di dotare i Viali sprovvisti di adeguati impianti di pubblica illuminazione, l'arretramento o la rimozione del palo in cemento armato presente in Viale dell'Usignolo e di redigere il PRIC secondo le norme regionali tuttora vigenti


Palo elettricitĂ  Viale dell'usignolo


Palo Elettrico da spostare Viale dell'Usignolo


Viale della Malvasia


Viale dell'Usignolo


Viale dell'Usignolo 2





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societĂ    ambiente   delfinario   blunote