HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicati Conservatori e Riformisti
mercoledì 25 gennaio 2017

- XYLELLA: DECASTRO-FITTO SODDISFATTI PER APERTURA REIMPIANTO
- MALTEMPO, ZULLO (COR): LA CLASS ACTION PER RIAVVICINARE I CITTADINI ALLE ISTITUZIONI
- CONSORZI, ZULLO (COR): EMILIANO ELOGIA SUE RIFORME? SE NE ASSUMA ANCHE LE RESPONSABILIA'
- DIMISSIONI ROMANO, MANCA (COR): BENE RITIRO MA MAGGIORE RISPETTO DA PARTE DI EMILIANO





Xylella: De Castro-Fitto, apertura a reimpianto passo avanti

Gli eurodeputati avevano presentato interrogazione in luglio

 

L'apertura della Commissione europea a valutare la possibilità di reimpianto degli ulivi in Salento è un "passo positivo" per "creare le condizioni di rilancio delle attività imprenditoriali degli olivicoltori pugliesi, nonché dell'intero patrimonio paesaggistico".

E' la dichiarazione congiunta degli eurodeputati Paolo De Castro (S&D) e Raffaele Fitto (Ecr), che lo scorso luglio avevano presentato un'interrogazione per chiedere l'abrogazione del divieto di reimpianto di piante potenzialmente ospiti del batterio nelle zone già infette, e cioè la provincia di Lecce e parte delle province di Brindisi e Taranto.

"Siamo molto soddisfatti del fatto che la Commissione finalmente si prenda l'impegno di fare passi in avanti come annunciato ieri dal ministro Maurizio Martina", concludono i due eurodeputati.

 

**************************************

 

MALTEMPO, ZULLO (COR): LA NOSTRA CLASS ACTION PER RIDARE FIDUCIA AI CITTADINI NELLE ISTITUZIONI

Dichiarazione durante il Consiglio regionale del presidente dei Conservatori e Riformisti, Ignazio Zullo

 

 

Una class action che oggi, dopo aver sentito la relazione del governo regionale, ha più ragion d'essere, non perché vuole essere un'azione punitiva contro questo o quell'assessore, ma perché i cittadini devono sapere che se un'Istituzione è inadempiente la legge ti consente di inchiodarla alle sue responsabilità.


E la Regione e la Protezione Civile pugliese sono state inadempienti nel momento in cui preventivamente non hanno messo in moto tutti i servizi utili a evitare i disagi. È chiaro che nel bel mezzo della tormenta di neve chi prima aveva dormito si è svegliato e si è messo al lavoro, ma era troppo tardi.


Gli allerta meteo erano stati diramati una decina di giorni prima e allora la Regione avrebbe dovuto chiamare l'Anas e chiedere se si stava attivando con sacchi di sale sulle statali più interessate all'andata di maltempo, così come avrebbe dovuto chiamare la Città Metropolitana di Bari per accertarsi che il sindaco Decaro stesse provvedendo sulle strade provinciali. Nulla. Non è stato fatto nulla. Poi una volta che la neve e' caduta e non solo le masserie nelle campagne, ma interi paesi erano isolati solo allora chi doveva intervenire si è dato da fare...o meglio ha iniziato il tour "un selfista sulla neve": Emiliano arrivava nei centri aprendosi i varchi con gli eserciti si faceva la foto con il sindaco al centro del paese e se ne andava.
Perciò insisteremo con la class action perché non accada mai più, perché quello che è accaduto possa servire a far stare sempre sveglio chi ogni tanto si addormenta.

 

**************************************

 

CONSORZI, ZULLO (COR): FA BENE EMILIANO A PRENDERSI IL MERITO DELLE SUE RIFORME. POI PERO’ SI ASSUMA ANCHE LA RESPONSABILITA’ DEI DANNI

Il presidente del gruppo dei Conservatori e Riformisti, Ignazio Zullo, replica al presidente Michele Emiliano

 

Bene fa il presidente Emiliano a mettere il suo sigillo – come facevano gli imperatori – alle sue Riforme e a darne annuncio urbi et orbi con enfasi e soddisfazione. Purché quando la Puglia sarà vittima dei  numerosi danni che le sue Riforme provocheranno all’Agricoltura come alla Sanità (solo per citare due delle ultime scelte sciagurate di questo governo)  se ne assuma la totale responsabilità! Che trovi un capro espiatorio da invocare: fossero i governi regionali precedenti, Renzi o l’uomo del monte!

Infondo, Emiliano è esattamente un “Renzi in salsa pugliese” per quanto riguarda le Riforme. Anzi un Renzi e una Boschi messi insieme. Ma il presidente faccia memoria di quanto è successo a livello nazionale: le Riforme del duo Renzi.-Boschi sono state bocciate prima dalla Consulta e poi dai cittadini. Renzi conseguentemente ha lasciato la poltrona di governo, la Boschi no.

Quando tutti i nodi verranno al pettine Emiliano quale dei due esempi seguirà?

 

**************************************

 

DIMISSIONI ROMANO, MANCA (COR): BENE RITIRO, MA EMILIANO RISPETTI IL RUOLO DELLA COMMISSIONE SANITA’

Dichiarazione del vice presidente della Commissione Sanità e consigliere regionale Conservatori e Riformisti, Luigi Manca

 

 

E’ doveroso che il collega Romano torni a presiedere la Commissione Sanità che ha condotto per oltre un anno con grande impegno e rispetto dei ruoli. Ma anche vero che quello che è accaduto la scorsa settimana, e che ha provocato le dimissioni di Romano, resta  grave sotto molti aspetti. Politici, ma soprattutto sanitari.

Il centrosinistra con il suo presidente Emiliano dovrebbero riflettere sulla sonora e seconda bocciatura del Piano di Riordino. In Commissione Sanità per circa un anno abbiamo audito sindaci, sindacati, associazioni, sviscerato articolo per articolo il provvedimento, ma senza che la discussione abbia prodotto nessun risultato. Il processo doveva essere contrario: prima di redigere il Piano ci sarebbe dovuta essere la fase di ascolto, altrimenti la tanto sbandierata partecipazione è un bluff.

Così come rischia di essere un bluff anche la Conferenza permanente programmazione sanitaria e socio-sanitaria. Io e i colleghi di maggioranza Lacarra e Pisicchio siamo stati eletti dal Consiglio a maggio scorso. Dovevamo occuparci di programmazione sanitaria ma non ci siamo mai riuniti.

E allora insieme all’invito a ritirare le dimissioni, invito Romano, autorevole esponente del Pd, a portare più rispetto per la Commissione Sanità, a riconoscerci il ruolo che i cittadini ci hanno affidato eleggendoci.





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote