HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni DIREZIONE ITALIA

domenica 12 marzo 2017

da Zullo, Fitto





FITTO: RENZI E’ CADUTO SU UN LINGOTTO E HA PERSO LA MEMORIA

 

“Ma Renzi che oggi ha parlato al Lingotto è lo stesso che è stato premier per tre anni fino a tre mesi fa?

E’ sempre quello che ha trasformato la campagna per il Referendum una sfida fra il suo Ego infinito e il resto del mondo e oggi dice: bisogna passare dall’Io al Noi?

Ma il Renzi che oggi ha parlato di sviluppo economico che inizia dalla Scienza e delle Politiche occupazionali che puntano alla Cultura è lo stesso che si è vantato di aver approvato Riforme sciagurate come Jobs Act, Buonascuola, Pubblica amministrazione?

 

Renzi deve essere caduto su un Lingotto e deve aver perso la memoria. Gli italiani fortunatamente no!”

 

Così il leader di Direzione Italia, on Raffaele Fitto

 

***************************************************

 

 

SALVINI A NAPOLI E XYLELLA, ZULLO (DIT): EMILIANO E RENZI NON TRATTINO LA PUGLIA E I SUOI PUGLIESI COME TERRENO DI SCONTRO PER QUALCHE VOTO PD IN PIU’

Dichiarazione a nome del gruppo Direzione Italia del presidente regionale, Ignazio Zullo

Facciano tutti i congressi che vogliono, usino tutte le parole più offensive fra loro, ma Renzi ed Emiliano rispettino i cittadini e non utilizzino i problemi seri che vivono ogni giorno per raccattare un voto in più per la loro scalata al Partito democratico.

 

Sono inaccettabili le parole di Emiliano, in quanto presidente della Regione su Salvini a Napoli non rappresentano la Puglia che è regione di accoglienza, di solidarietà, di crocevia di popoli, culture e religioni. É una regione che mai permetterebbe di impedire a qualcuno di esprimere il proprio pensiero anche se non gradito.

 

Così come è inaccettabile è la battuta sulla Xylella di Renzi che guarda caso ha come vice il ministro all’agricoltura Martina che insieme ha le stesse, se non di più, responsabilità di Emiliano per il batterio che sta uccidendo gli ulivi della Puglia. Scherzare su quello che è uno dei problemi maggiori dell’Agricoltura pugliese non è solo vergognoso ma è irrispettoso dei tanti agricoltori che ne stanno pagando le conseguenze.

 

***************************************************

 

FITTO: DALLA XYLELLA ALLA SANITA’ RENZI ED EMILIANO NON FACCIANO CAMPAGNA PD SU PELLE DEI CITTADINI

 

 

“Trovo insopportabile che la Xylella possa essere oggetto di ‘battuta’ congressuale con conseguente indegno rimpallo di responsabilità fra Renzi ed Emiliano che sono tra i principali responsabili della peggior piaga che l’Agricoltura pugliese abbia vissuto. La smettano Renzi ed Emiliano di usare la Puglia e i suoi problemi per strappare un voto in più per la segreteria del Pd. Imparino a rispettare gli elettori e se ci riescono, visto che governano da molti anni sia a livello nazionale sia regionale, a risolvere i loro problemi.

Dalla Xylella alla Sanità è davvero insopportabile che si debba assistere a una gara al massacro dove gli unici a rimetterci sono i cittadini.

La Xylella avanza, la Sanità pugliese è nel caos e loro fanno battute e spot congressuali. Che vergogna!”

Così il leader di Direzione Italia, on. Raffaele Fitto

 

***************************************************

 

NEVICATA E BARI E BAT ESCLUSE DA RISARCIMENTI, ZULLO (DIT): EMILIANO FANFARONE, INCAPACE DI PASSARE DAI SELFIE AI FATTI

Il presidente del gruppo regionale di Direzione Italia, Ignazio Zullo, annuncia la ripresa della class action


Quando in occasione della nevicata di gennaio Emiliano entrava trionfante nelle piazze liberate dai mezzi dell'esercito proclamando il suo solito "tutto sotto controllo" evidentemente ne era così convinto tanto da non includere nella delibera approvata dalla Giunta regionale per la richiesta di contributi straordinari i danni alle colture agricole, alle strutture aziendali e agli allevamenti di bestiame del barese ed in particolare della Murgia e della BAT.  E, quando noi dicevamo che non si rendeva conto di quello che accadeva al di là delle piazze e nelle aree agricole eravamo nel giusto.


Siamo di fronte ad un Presidente di Giunta Regionale più preso dall'apparire nei selfie e nei mass-media che dal farsi carico delle sofferenze della comunità pugliese. Avevamo pensato di desistere dalla class-action nell'idea che i danni fossero ristorati dal Fondo di Solidarietà Nazionale ma questo schiaffo di Emiliano agli operatori agri-zootecnici delle Province di Bari e Bat ma la sua inerzia fa il paio con i ritardi e le inadempienze della Regione nell'affrontare l'emergenza neve e, nostro malgrado, riprenderemo il percorso della class-action.

 

***************************************************

 

Centrodestra, Fitto (Dit): "Un dovere riconoscere errori commessi, una responsabilità proporre alternativa di governo"

 

"Il centrodestra prima di tutto ha un dovere  con i propri elettori : riconoscere i propri errori. Perché quando ci dicono: potevate fare di più quando governavate voi… hanno ragione per questo dobbiamo riconoscere errori, chiedere scusa, ma subito dopo ha la responsabilità di fornire una proposta di governo seria e credibile e costruire una coalizione coesa e unita. L’unico strumento per farlo sono le Primarie, non ne vedo altri che possano dal basso, senza imposizioni, senza leadership assolute portare allo stesso risultato". Così il leader di Direzione Italia, Raffaele Fitto





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote