HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
Comunicazioni DIREZIONE ITALIA
lunedì 3 aprile 2017

da Fitto, ufficio stampa del Consiglio regionale, Altieri





 

 

SAN PIETROBURGO: FITTO, CONDANNA VIOLENZA SIA UNANIME =

 

"Seguo con apprensione notizie da San Pietroburgo: tanto dolore per morti e feriti in metropolitana. Ci sia unanime condanna contro violenza". Così su Twitter Raffaele Fitto, leader di Direzione Italia. 

 

 

 

 

*********************************************

 

Conti in pareggio sanità Puglia, Dit: “Emiliano si vergogni”

Lunghe liste d’attesa, mancato soddisfacimento per alcune patologie dei bisogni di salute dei pugliesi per carenza di servizi sul territorio, strutture che cadono a pezzi, precariato diffuso, personale mancante, turni massacranti. Sono alcune delle connotazioni che contraddistinguono la sanità pugliese denunciate dal presidente di Direzione Italia in Regione, Ignazio Zullo, che ha tenuto una conferenza stampa unitamente a Luigi Manca, Francesco Ventola e Renato Perrini, facendo riferimento alle recenti dichiarazioni trionfalistiche del Presidente e Assessore alla sanità Michele Emiliano sul sostanziale pareggio di bilancio ottenuto nel settore. 
“Quando le ho lette - ha detto Zullo – sono stato preso da un istintivo moto di stizza”. Si tratta di dichiarazioni vergognose”, se si considerano anche le vessazioni che i pugliesi subiscono da anni, costretti a pagare incrementi delle aliquote Irpef, Irap, accise per la benzina, 10 euro in più per ticket per le ricette specialistiche (solo in Puglia) e 1 euro in più per le ricette (solo in Puglia). Senza considerare le risorse sottratte ogni anno ad altri settori del bilancio regionale autonomo per coprire i buchi della sanità. 
Anche il Ministro Lorezin ha fatto notare – ha aggiunto il capogruppo Dit - che la Puglia non riesce a garantire il rispetto dei Livelli essenziali di assistenza, che per legge devono essere garantiti dal servizio sanitario su tutto il territorio nazionale. Questo significa che le risorse messe in campo vengono spese male rispetto alla domanda di salute dei pugliesi. Non è un caso se il Codacons ha preannunciato un ricorso alla Corte dei Conti. “Non è possibile – ha concluso Zullo – pensare a scalare il PD sulla pelle e sulle tasche dei cittadini strumentalizzandoli, Emiliano si deve vergognare”. 
Manca ha fatto riferimento al recente incendio che ha avuto luogo nell’ospedale di Galatina in cui solo il casuale passaggio di un tecnico nelle prime ore del mattino ha fatto sì che l’evento non abbia avuto conseguenze molto più nefaste. C’è un problema di sicurezza negli ospedali si cui occorre intervenire. Così come sulla situazione disastrosa dei Pronto soccorso. La carenza nell’erogazione dei LEA alimenta la mobilità passiva. 
Secondo Ventola c’è la Puglia edulcorata di Emiliano e quella reale dei pugliesi condannati a lunghe liste d‘attesa e che talvolta non riescono a ricevere le cure di cui necessitano. “Ci sono due modi di tenere in conti in ordine – ha aggiunto -: ottimizzando l’esistente e procedendo anche alle riconversioni quando ci sono le condizioni per poterlo fare, oppure tagliare spese e servizi come fa Emiliano che si sta rivelando di fatto un ‘tagliatore di teste’”. 
“A Taranto non è cambiato nulla” ha puntualizzato Renato Perrini”. Anche laddove Emiliano avrebbe potuto fare qualcosa subito con riferimento agli adempimenti connessi ai decreti ministeriali emanati, non è stato fatto nulla. “Giace da 8 mesi – ha aggiunto il consigliere tarantino – la mia interrogazione-mozione sul pronto soccorso dell’ospedale Moscati chiuso, con il conseguente ingolfamento di quello del ‘SS. Annunziata’ a fronte di un personale insufficiente e stanco, mentre sono passati due anni e non si vedono assunzione nell’ASL TA”. 

 



SLIDE CONFERENZA SANITA'

 

foto dei quattro consiglieri: da sinistra Francesco Ventola, Ignazio Zullo, Luigi Manca e Renato Perrini

 

 

*********************************************

 

 

Caporalato, Altieri (Dit): "Martina ascolti grido di allarme agricoltori su storture legge"

 

 

"Il ministro Martina non giri la testa dall'altra parte, migliaia di aziende sono molto preoccupate per le pericolose generalizzazioni della legge sul contrasto al caporalato che trasformano l'inadempienza a vincoli burocratici e amministrativi in reato penale di sfruttamento. Sia ascoltato l'ennesimo grido di allarme degli imprenditori agricoli, anche oggi scesi in piazza a Bari in Puglia. Solo tra pochi giorni inizia la raccolta delle ciliegie, con tutte le incognite normative che investono il comparto. Potrebbe essere solo l'inizio di un periodo di forti tensioni col rischio che degeneri in una vera e propria bomba sociale. Il ministro venga allora in campagna per tre giorni per capire come modificare la legge, è giusto essere duri con gli sfruttatori caporali ma, ribadiamo, senza criminalizzare un comparto che ha bisogno di sostegno e semplificazioni. Più volte sono anche intervenuto personalmente in Parlamento per sensibilizzare il ministro. Gli strumenti ci sono, basta applicarli". È quanto dichiara il deputato Nuccio Altieri di Direzione Italia, intervenuto oggi a Bari alla manifestazione degli agricoltori per denunciare le criticità della legge sul caporalato.

 

 

 

 

 

 





Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote