HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   “Storia e Architettura”
“San Pietro: l’altra Basilica”.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull’ex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
MOVIMENTO NO TAP, MANCA: VIOLENZA DEL 16 u.s. LA MANIERA PEGGIORE PER FESTEGGIARE IL PRIMO ANNO
lunedì 19 marzo 2018

da Press Noiconlitalia
press.noiconlitalia@gmail.com


Dichiarazione del consigliere regionale di Direzione Italia-Noi con l'Italia, Luigi Manca

La violenza è stata la maniera peggiore per "festeggiare" il primo anno di vita di un movimento "No Tap" nato con la volontà pacifica di ribadire il No di un'intera popolazione, non tanto all'opera in se stessa ma all'approdo in una delle spiagge più belle d'Italia
.
Il rischio però che dietro i pacifici manifestanti si possano nascondere frange violente di agenti provocatori è reale, delinquenti per i quali la protesta diventa solo un pretesto per creare disordini per destabilizzare le istituzioni, ma anche gli stessi cittadini. Nei mesi scorsi gli scontri con le forze dell'ordine, i danneggiamenti al cantiere, le scritte contro società o partiti sono state avvisaglie della presenza nel movimento di facinorosi. Ieri sera poi i danni provocati ad alcuni negozi, ad alcuni palazzi, per le strade da personaggi violenti sono da condannare senza se e senza ma.
Anche dall'interno del Movimento si dovrebbe alzare forte la voce di chi rifiuta certi comportamenti e vuole partecipare a un processo democratico che purtroppo ha ben poche possibilità di avere "ragione" sul territorio, sarebbe, invece, più opportuno che la protesta si trasferisse a Roma lì dove sono state prese le decisioni in passato e dove nel caso potrebbero essere riviste.

Bari, 17 marzo 2018


****************************
per informazioni
mariateresa d'arenzo
338/2447026



Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   società   ambiente   delfinario   blunote