HOME D.E. GUEST BOOK SPORT ISCRIVITI DELFINARIO LINKS COOKIE POLICY


•   MANDURIA (TA): La Coldiretti nella gestione del Parco dei Messapi
•   RICONOSCIMENTO NAZIONALE PER IL PIZZAIOLO TARANTINO PROFESSIONISTA MICHELE DI BARI
•   PULSANO: IL COMUNE FA COPRIRE TUTTE LE BUCHE SU VIA TARANTO

•   STELLATO-LUPO: coesione e rilancio,
i nostri impegni per Taranto

•   COMUNICATI STAMPA DEL M5S


•   Taranto, tutto pronto per la Festa di Sant'Antonio 2019
•   ‚ÄúStoria e Architettura‚ÄĚ
‚ÄúSan Pietro: l‚Äôaltra Basilica‚ÄĚ.

•   Attenti a quei due: confronto diretto tra Mare e Terra in una sfida tra grandi chef
•  Centro di Documentazione


•   Riesame AIA ex Ilva: le valutazioni e richieste di Legambiente
•   Il Dossier Taranto di Legambiente sull‚Äôex Ilva
•   GRETA CHIAMA TARANTO


•  U Tarde nuestre -
rassegna quotidiana

•  Basket
•  Atletica
•  Delfini Erranti Touch Rugby Taranto
•  Altri


Notizie
Ricorrenze
Raccolta Foto


Google
Web DelfiniErranti.Org



stampa l'articolo
TARANTO MUORE
venerdì 1 novembre 2013
da osservatoriolegnc@libero.it




CONTE arch

Libero OSSERVATORIO della LEGALITA’ onlus (TA)  osservatoriolegnc@libero.it

 

Taranto muore……


Taranto muore! Muore di inedia, muore di inerzia, muore di indifferenza, muore di infingardaggine, muore di inquinamento, muore di fame e malattie, tante malattie (tumori, malattie cardio-vascolari).

  

Taranto città operaia, città amara per i suoi figli, città da Bruxelles definita " martire", infettata, piagata dall'arroganza dei "conquistatori"- rappresentanti dello Stato e dell'imprenditoria - calatisi in una terra "senza diritti e senza difesa", disperata per la mancanza di lavoro e di prospettive.

 

Conquista, quindi, facilissima, anzi agevolata da amministratori e politici locali che, negli anni,  non hanno contabilizzato le conseguenze degli insediamenti, militari e industriali,  l'outcome dell'inquinamento ambientale, anzi hanno taciuto dati catastrofici, arrivando a negare realtà accertate, ribadite da studi scientifici; hanno negato morti e malati; hanno sacrificato una città sull'altare delle connivenze e dei favori di scambio; hanno consegnato alle generazioni di oggi una città martire, cancellandone il futuro prossimo. 

Amministratori e politici colpevoli senza condanne, in circolazione come se sulle loro coscienze non pesassero migliaia di morti di ogni età, come se con la loro ingordigia non avessero ipotecato il domani di tante vittime innocenti.

L'oggi di Taranto è di una città in cui esistono "voci di ribellioni", che tentano di scalfire i poteri forti, trovandosi dinanzi muri di silenzi e di indifferenze. Le voci sono tante, si uniscono e cercano di contrastare posizioni di rendita, cozzando contro un' omertà diffusa ed una acclarata corruzione.

Nessuna trasparenza negli enti locali, dove la richiesta di visionare atti viene assolutamente ignorata, assolutamente violate le leggi. 

La Regione? Detiene uno scandaloso ultimo posto, a livello nazionale, in materia di trasparenza degli atti. Afferma il consigliere PdL, Nino Marmo:

"Entrando nel dettaglio, il Governo regionale si guarda bene, o comunque ne ostacola la diffusione, dal fornire i documenti relativi a ‚Äėsociet√† partecipate, bilanci, incarichi, atti generali, presenze, retribuzioni, posizioni organizzative, bandi, contratti, relazioni sulla performance, premi, attivit√† e procedimenti, beni immobili e gestione del patrimonio, opere pubbliche, pagamenti, informazioni ambientali, servizi erogati‚Äô.
Delle due l’una: o queste informazioni non vengono fornite, in violazione della legge, per la cronica inefficienza del governo-Vendola; o tali omissioni non sono casuali e denotano che essa ha molto da nascondere".

Allora, chi o cosa potrà mai difendere il cittadino?

La Magistratura tarantina è scesa in campo, ha messo in moto una macchina "di difesa", scoprendo collusioni, giri di        "mala gestione", entrando nel cuore degli affari del padrone dell'Ilva, arrivando al sequestro di impianti e di guadagni.          Ma la mala pianta non è stata estirpata, la fabbrica della morte continua a sputare veleni.

Ed a Taranto… si continua a morire di fame e di malattie!

Taranto lì, 31.10.13                                                                                                                                               E. B. C.




Segnala questa pagina
mappa del sito

Per un tuo commento scrivi sul Guest Book del Delfini Erranti


home   cookie policy guest book   sport   cultura   societ√†   ambiente   delfinario   blunote